Compilazione Assegno

Scritto da Paolo Tritapepe.

b_200_200_16777215_00_images_stories_compilare_assegno.jpgCompilazione assegno

La nostra guida per la compilazione assegno viene incontro a chi, non avendo mai compilato un assegno, ha bisogno delle prime indicazioni per effettuare l’operazione. 
 

 


 

 

Per chi non ha mai effettuato la compilazione assegno, ma anche per chi raramente utilizza questo strumento di pagamento, la nostra guida alla compilazione assegno vuole offrire un semplice ma utile supporto per “riempire” tutti i campi nella maniera più corretta.
Gli errori, infatti, sono all’ordine del giorno ed è doveroso prestare sempre la dovuta attenzione a ciò che scriviamo.
 
Il luogo di rilascio
Nello spazio presente in cima all’assegno anticipato da “Li..” è fondamentale specificare il luogo in cui noi ci troviamo e dove stiamo effettuando l’emissione del documento.
Naturalmente ci sono differenze in base al fatto se il luogo del rilascio dell’assegno coincide o meno con il luogo dove si trova anche la nostra banca: se parliamo della stessa città sono 8 i giorni di tempo per “cambiare” l’assegno, ma se le località sono differenti allora i giorni salgono a 15.

La Data di emissione
Sempre nella prima riga presente in cima all’assegno, dopo il luogo deve essere specificata anche la data dell’emissione. Si tratta di un altro importante passaggio nella compilazione assegno: dalla data di emissione parte il conteggio del tempo massimo per “cambiare” l’assegno (come prima specificato) o per determinare la post-datazione dello stesso (  quando è indicata una data successiva al giorno dell’effettiva emissione l’assegno è post-datato). La posta datazione è ammessa solo al fine di  permettere la consegna dell’assegno al beneficiario e il termine massimo è di 4 giorni.

L’importo
Due sono le “forme” in cui l’importo deve essere specificato durante la compilazione assegno: in cifre e in lettere.  Per la cifra è presente il campo in alto a destra dell’assegno, mentre la forma in lettere troviamo dedicata un’intera riga.
E’ bene sapere che in caso di discordanza tra la cifra trascritta in lettere e quella in cifre è sempre la prima a fare fede; inoltre, nel caso in cui la somma non sia pari e siano presenti cifre decimali è corretto indicare quest’ultime dopo la virgola o la barra: cinquecento,00 o cinquecento/00.
E’ di 5 mila € l’importo massimo trasferibile per mezzo di assegno.

Il beneficiario
E’ a dir poco fondamentale indicare, nella compilazione assegno, chi è il beneficiario, ossia a chi l’assegno è destinato. Dovremmo, quindi, specificarne il nome, ed è bene sapere come il beneficiario può essere la stessa persona che ha emesso l’assegno: in tal caso la dicitura prevista sarà "a me medesimo" o "all’ordine mio proprio...", ma è sempre possibile trascrivere il proprio nome e cognome.

Firma autografata
Il soggetto che rilascia l’assegno deve anche firmarlo nell’apposito campo.
La firma, badate bene, deve corrispondere a quella che il soggetto stesso ha depositato in banca.
 
La non trasferibilità
Successivamente alla data del 30 aprile 2008 tutti gli assegni hanno stampigliato il "non trasferibile" poiché tale clausola è divenuta obbligatoria. Sottolineiamo,però, che per chiunque possieda ancora assegni emessi prima del 30 aprile 2008 la dicitura deve essere apposta insieme all’indicazione precisa del nome, cognome o ragione sociale del beneficiario.
 

 



Più letti

CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Il codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?

Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento op [ ... ]

Orari Banche: le aperture, Banca per Banca

Le informazioni relative agli orari di apertura e chiusura degli sportelli della tua Banca. Le informazioni Banca per Banca con i  contatti utili a conoscere gli orari delle Banche.

Apertura e Chi [ ... ]

Ricaricare una PostePay con una carta di credito: ...

Una PostePay è una comoda carta che è possibile ricaricare in diversi modi, compreso quello che prevede l'uso della carta di credito. Per sapere come ricaricare una PostePay, anche con carta di cred [ ... ]

Mav bancario: cos’è e come si effettua

Il Mav bancario è uno degli strumenti bancari più utilizzati, vediamo come si effettua e cosa comporta il suo utilizzo.

Mav: cos’è e cosa permette di fare
trong> Il Mav, conosciuto anche come pagame [ ... ]

Banche che assumono: le opportunità più recenti

Ogni anno vengono rese note offerte di lavoro di vario genere, tutte da parte dei maggiori Istituti Bancari presenti nel nostro territorio. Ecco una lista di posizioni lavorative e di banche che ne of [ ... ]