CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Scritto da Paolo Tritapepe.

b_200_200_16777215_00_images_stories_cro_bancario.jpgIl codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?



Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento operazione): è diverso per ogni operazione bancaria effettuata ed aiuta a distinguere le varie transazioni in maniera veloce. Le undici cifre sono diverse per ogni cliente, ciò significa che ad un determinato CRO corrisponderà un unico cliente e a determinate operazioni, senza possibilità di errore.




Il suo uso è particolarmente indicato per cercare transazioni come i bonifici bancari: il codice di controllo, che permette di verificarne l’esistenza, è presente nelle ultime due cifre del CRO.Tale codice è necessario: non può esistere nessun operazione che non lo presenti. A fornirlo è la stessa banca di appartenenza. Solitamente, possiamo trovarlo nella ricevuta di pagamento di un bonifico, altrimenti è possibile richiederlo direttamente nella filiale di riferimento.



Quando si vuole effettuare un pagamento, tale operazione dovrà necessariamente essere registrata, per questo è necessario disporre del proprio CRO bancario. In caso di assenza, si potranno comunque effettuare le operazioni (che necessitano inderogabilmente del codice IBAN), ma la registrazione delle transazioni avverrà in un secondo momento.



Una volta effettuato il pagamento, se la banca volesse risalire a tale operazione non dovrà fare altro che inserire il codice CRO, trovando immediatamente la corrispondenza nel sistema informatico bancario. Oltre ad attestare l’avvenuta operazione, il CRO può essere richiesto dai creditori come prova di un avvenuto trasferimento di fondi: se non riuscite a trovarlo nella ricevuta bancaria, non preoccupatevi, basterà farne richiesta alla banca.



Esiste anche un secondo codice, il TRN (Transaction Reference Number), nelle cui cifre è contenuto lo stesso codice CRO, precisamente dalla 6° alla 16° cifra; anche questo codice è facilmente reperibile nella nostra banca di riferimento.



Più letti

Validità assegno circolare: scadenza e conseguenze...

Un assegno circolare ha validità precisa che ogni cliente o utente di Banca ha l’obbligo di rispettare per non incappare in problemi legati al cambio dello stesso titolo di pagamento. Concentriamoc [ ... ]

Orari Banche: le aperture, Banca per Banca

Le informazioni relative agli orari di apertura e chiusura degli sportelli della tua Banca. Le informazioni Banca per Banca con i  contatti utili a conoscere gli orari delle Banche.

Apertura e Chi [ ... ]

CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Il codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?

Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento op [ ... ]

Ricaricare una PostePay con una carta di credito: ...

Una PostePay è una comoda carta che è possibile ricaricare in diversi modi, compreso quello che prevede l'uso della carta di credito. Per sapere come ricaricare una PostePay, anche con carta di cred [ ... ]

Mav bancario: cos’è e come si effettua

Il Mav bancario è uno degli strumenti bancari più utilizzati, vediamo come si effettua e cosa comporta il suo utilizzo.

Mav: cos’è e cosa permette di fare
trong> Il Mav, conosciuto anche come pagame [ ... ]