b_200_200_16777215_00_images_stories_libretto_risparmio.jpeg.pngUna particolare tipologia di libretto di risparmio è quello nominativo, da distinguere rispetto al libretto al portatore. Ne parliamo per capire le differenze e valutare insieme a chi si addica maggiormente la tipologia di libretto nominativo.

 

Libretto Intestato al soggetto
Proprio come se si trattasse di un normale prodotto per la gestione del risparmio, anche il libretto di risparmio nominativo viene intestato al soggetto titolare. Avviene così anche per i conti correnti.
Questa è una differenza fondamentale rispetto al libretto al portatore che invece, può essere impiegato da chiunque lo detenga al momento del prelievo o del deposito presso lo sportello della Banca.



 

Come Impiegarlo
Un Libretto di risparmio nominativo, quindi, ha la peculiarità di poter essere intestato ad un soggetto particolare (beneficiario) il quale può gestirne personalmente i movimenti (versamenti e prelievi di denaro). Per queste ragioni rispetto all’altra tipologia, a meno problemi con la recente disposizione antievasione. Un libretto di risparmio si rende utile per depositarvi su piccole somme di denaro (oggi è maggiormente impiegato per accantonare denaro per i bambini) e anche per costituire garanzie ai fini di contratti di locazione di immobili.

 

Tassi di interesse
Specifichiamo subito che un libretto di risparmio, nominativo o al portatore che sia, non offre “guadagni” in termini di interessi maturato sulle somme in esse detenute. O almeno, non più rispetto al passato. Si parla, ormai, di tassi di interesse creditori sostanzialmente prossimi allo zero che a stento ripagano i costi comunque presenti per la loro apertura e detenzione annua.

 

Non dimenticatevelo!
Attenzione, però, a non dimenticarvi di avere un libretto di risparmio, nominativo o al portatore che sia! Esiste una regolamentazione precisa, oggi, che impartisce ordini a Banche e Poste Italiane per gestire i cosiddetti libretti dormienti, ossia quelli su cui i titolari non eseguono più operazioni (prelievi o versamenti) da più di dieci anni. Gli Istituti, infatti, possono legittimamente prelevare tutta la somma in essi detenuta per versarla nel fondo dei conti dormienti.



Da Twitter

UniCredit_PR
UniCredit_PR Osservatorio dei territori #UniCredit focus #Sardegna : nel 2015 prosegue il recupero del PIL goo.gl/... pic.twi...
02:16PM Apr 17
24FinMerc
24FinMerc Ecco perché l’Europa del Qe non è immune dal contagio Grecia ift.tt/...
10:16AM Apr 17
BNLPeople
BNLPeople Avete già deciso a chi donare il vostro 5x1000? Scegliete @Telethonitalia e sostenete la ricerca: goo.gl/... @BNLperTelethon
08:00AM Apr 17
matteorenzi
matteorenzi La mia giornata a Milano e Genova pic.twi...
07:37PM Apr 14
PCPadoan
PCPadoan Un incontro molto utile oggi con @VDombrovskis Forte identità di vedute tra Italia e @EU_Commission
05:51PM Apr 13
Disavventure

Cerca

Articoli Correlati

Le Banche possono variare i tassi d’interesse sul vostro libretto di risparmio comunicandovi preventivamente i mutamenti. Ma quando le comunicazioni non arrivano ci ritroviamo con sorprese inaspettate.   Variazioni
Novità 27.03.2014 - Libretto di risparmio Si tratta di una soluzione alternativa al conto corrente molto utilizzata. Scopriamo le caratteristiche del libretto di risparmio e capiamo perché può
Può capitare, poiché si tratta di un libretto cartaceo, quindi materiale, di cui bisogna averne cura e sapere sempre dove si trovi. Lo smarrimento del libretto postale è complicato da risolvere però
Il 2013 ha introdotto novità importanti per chi detiene un libretto postale. La legge ha interessato soprattutto il prelievo da libretto postale poiché questo riguarda il movimento di soldi in contanti.
Un conto corrente permette di richiedere a avere a disposizione un libretto di assegni. Ma, in forma diversa a seconda della Banca, un libretto assegni prevede delle spese. Siamo, quindi, andati ad analizzare
Sebbene il concetto di ristrutturazione del debito sia particolarmente impiegato nel settore finanziario, oggi coglie bene il problema che Famiglie e singoli risparmiatori hanno con prestiti e mutui.
In Italia operano numerosi Istituti bancari, sia appartenenti a grandi gruppi di portata internazionale, sia costituenti reti nazionali di credito con una pura vocazione di legame territoriale. Per valutarne
Il sistema SIC, ossia l'insieme dei sistemi informativi creditizi, ha l'obiettivo di aiutare Banche e Finanziaria a raccogliere, gestire e scambiarsi informazioni sui propri clienti. Vogliamo