Stress Test Banche: Cosa Accade in Italia?

Scritto da Paolo Tritapepe.

Multithumb found errors on this page:

Unsupported image type images/stories/stress test banche.jpg image/x-ms-bmp
Unsupported image type images/stories/stress test banche.jpg image/x-ms-bmp

stress test banche.jpgStress Test Banche: Cosa Accade in Italia?
Se ne sente sempre più parlare, ma non sempre capiamo bene in cosa consistono e quali sono le loro finalità. Vediamo insieme cosa sono gli stress test banche e quanto sono importanti per la nostra tranquillità.

Una definizione per capire

Iniziare offrendo una definizione degli stress test Banche ci sembra doveroso per iniziare, intanto, a delimitare il campo verso cui muoverà tutto il ragionamento di comprensione. Si tratta, in sostanza, di un programma di valutazione del capitale detenuto in riserva dalle Banche al fine di fronteggiare le situazioni economiche più complicate. In sostanza i test sono rivolti a prevedere se gli Istituti sono effettivamente in grado di reggere eventuali periodi di grande difficoltà, ossia di stress economico e finanziario.


In Europa guida la BCE

Nel nostro Vecchio Continente è la Banca Centrale Europea a guidare la gestione degli Stress Test Banche. Alla base sussiste l’importante accordo chiamato Basilea II in cui questi stress test sono reputati fondamentali per la valutazione del rischio di credito: è previsto che gli istituti facciano le prove con riferimento alle probabili situazioni di peggioramento del ciclo economico.

La situazione in Italia

Gli stress Test Banche applicati agli Istituti nostrani hanno saputo reggere bene, secondo quanto evidenziato dalla BCE e conseguentemente sottolineato anche dalla presidenza dell’ABI. Cinque sono le grandi Banche scelte dagli organi europei e promosse, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Ubi Banca e Banca Popolare, mentre dall’ABI giungono conferme anche sulla capacità di resistenza degli Istituti minori.  Ricordiamo, però, come hanno fatto ricorso a prestiti pubblici Mps e Banco Popolare per raddrizzare in parte il patrimonio e pareggiare il distacco rispetto agli altri grandi gruppi nelle capacità a fronteggiare situazioni di crisi.

Per noi clienti Italiani, quindi, sono prospettati periodi futuri abbastanza tranquilli grazie a Banche che vantano un solido nucleo del patrimonio che è costituito da utili non distribuiti, dalle riserve, dalle azioni ordinarie dalle obbligazioni con termine minimo a 10 anni.  I Gruppi presenti in Italia hanno mostrato di poter assicurare un “coefficiente di capitalizzazione” Tier1 che supera il 6% il che assicurerebbe capacità di solvibilità anche in scenari economici notevolmente negativi con recessione, calo dei mercati azionari e uno shock sul debito.

Fonte: il giornale.it



Più letti

Orari Banche: le aperture, Banca per Banca

Le informazioni relative agli orari di apertura e chiusura degli sportelli della tua Banca. Le informazioni Banca per Banca con i  contatti utili a conoscere gli orari delle Banche.

Apertura e Chi [ ... ]

CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Il codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?

Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento op [ ... ]

Ricaricare una PostePay con una carta di credito: ...

Una PostePay è una comoda carta che è possibile ricaricare in diversi modi, compreso quello che prevede l'uso della carta di credito. Per sapere come ricaricare una PostePay, anche con carta di cred [ ... ]

Mav bancario: cos’è e come si effettua

Il Mav bancario è uno degli strumenti bancari più utilizzati, vediamo come si effettua e cosa comporta il suo utilizzo.

Mav: cos’è e cosa permette di fare
trong> Il Mav, conosciuto anche come pagame [ ... ]

Banche che assumono: le opportunità più recenti

Ogni anno vengono rese note offerte di lavoro di vario genere, tutte da parte dei maggiori Istituti Bancari presenti nel nostro territorio. Ecco una lista di posizioni lavorative e di banche che ne of [ ... ]