Prelievo di Contante con Carta di Credito

Scritto da Paolo Tritapepe.

prelievi bancomat.jpgIl prelievo di denaro contante con carta di credito ha costi differenti rispetto ad una carta bancomat. Nell’uso delle tue carte bisogna, quindi, sapere quali sono le differenze e com’è preferibile operare per eseguire prelievo di contante per mezzo degli sportelli ATM.

 

Perché costi maggiori
Il prelievo di contante con carta di credito è un’operazione che può risultare abbastanza costosa, soprattutto rispetto alla medesima operazione svolta con carta bancomat. La ragione di ciò è strettamente legata alla natura intrinseca della carta di credito, ossia a come è organizzata la gestione del credito a favore dell’utente.


Una carta di credito, infatti, mette a disposizione del proprio possessore denaro a credito, sia che si tratti di pagamenti presso esercenti si che si esegua il prelievo di contanti. Recarsi presso uno sportello bancomat, quindi, significa ottenere denaro contante come se si trattasse di un prestito che deve poi essere restituito con ulteriori interessi calcolati.

 

L’anticipo di contante: i costi
Sostanzialmente, quindi, recarci allo sportello bancomat per eseguire uno sportello usando la carta bancomat equivale a chiedere un anticipo: la carta di credito, quindi, non prevede un prelievo diretto dal conto corrente del cliente. Avverrà inizialmente un prestito di denaro che solo in seguito sarà scalato dal conto, ma tale operazione si tramuta nell’applicazione di tassi interesse anche del 3,5-4%. Equivale a dire che per 100 euro di prelievo contanti si possono anche pagare 4 euro di commissioni. Decisamente caro.

Da sapere, inoltre, che usiamo la carta di credito per prelevare denaro in un Paese estero dove non si impiega l’Euro, bensì un’altra moneta, oltre agli interessi appena descritti bisognerà anche pagare una commissione aggiuntiva del 2% insieme alle spese di cambio previste dal rapporto interbancario in essere tra i due Paesi.


Perché conviene il Bancomat

Ormai, la ragione per cui conviene prelevare contante con la carta Bancomat è abbastanza ovvia. Quest’ultima è decisamente più economica. Innanzitutto bisogna specificare che molto nuovi conti non prevedono commissioni per il prelievo da sportelli della stessa Banca (al limite solo per prelievi da banche diverse), ma poi il suo funzionamento non segue la logica dell’anticipo di contante. Con la carta Bancomat, infatti, la Banca scala in poco tempo la somma prelevata dal saldo contabile che, quindi, risulterà immediatamente. Di conseguenza non sarà applicato tasso di interesse alcuno.



Più letti

CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Il codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?

Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento op [ ... ]

Orari Banche: le aperture, Banca per Banca

Le informazioni relative agli orari di apertura e chiusura degli sportelli della tua Banca. Le informazioni Banca per Banca con i  contatti utili a conoscere gli orari delle Banche.

Apertura e Chi [ ... ]

Ricaricare una PostePay con una carta di credito: ...

Una PostePay è una comoda carta che è possibile ricaricare in diversi modi, compreso quello che prevede l'uso della carta di credito. Per sapere come ricaricare una PostePay, anche con carta di cred [ ... ]

Mav bancario: cos’è e come si effettua

Il Mav bancario è uno degli strumenti bancari più utilizzati, vediamo come si effettua e cosa comporta il suo utilizzo.

Mav: cos’è e cosa permette di fare
trong> Il Mav, conosciuto anche come pagame [ ... ]

Banche che assumono: le opportunità più recenti

Ogni anno vengono rese note offerte di lavoro di vario genere, tutte da parte dei maggiori Istituti Bancari presenti nel nostro territorio. Ecco una lista di posizioni lavorative e di banche che ne of [ ... ]