Aderire ad un Fondo Pensionistico?

Scritto da Paolo Tritapepe.

b_200_200_16777215_00_images_stories_fondo_pensionistico.jpgRaccogliendo sul web le opinioni di esperti e di fonti autorevoli proviamo ad offrire informazioni molto utili a chi volesse valutare l’adesione ad un fondo pensionistico. Siamo in un momento di crisi, ragioniamo sulle conseguenze.

Un momento non proprio “semplice”
Premettendo che l’idea non è quella di scoraggiare chi è sta valutando con attenzione la possibilità di aderire ad un fondo pensionistico, ci ricolleghiamo al momento abbastanza complicato e di crisi dell’economia generale nel nostro Occidente. Possiamo, purtroppo descrivere la difficoltà costante delle Borse e riflessi negativi anche per quanto riguarda i risultati dei fondi pensione di maggior importanza. I prezzi dei Titoli del nostro Stato, come quelli di diversi Stati Europei, sono stati svalutati, i risultati a medio e lungo termine sono in perdita mentre non sono risultate essere scelte consigliabili quelle di puntare su fondi obbligazionari che sono stati molto colpiti negli ultimi mesi.

Consigli “anti Crisi”
Sono molto utili i consigli offerti anche da AltroConsumo che, con i suoi tecnici, sottolinea una possibile convenienza a scegliere fondi azionari solo per chi ha ancora molti anni (almeno 20) prima di raggiungere l’età della pensione. Si avrebbe così, la possibilità di dar aderire ad un Fondo pensionistico basato su titoli che, alla lunga, tendono a crescere difendendosi bene dai possibili ribassi che invece possono incorrere nel breve periodo.
Aggiungiamo, inoltre, che può risultare altresì vantaggioso scegliere le obbligazioni solo nei periodi precedenti alla pensione.
I Piani pensione Individuali (Pip) poi, sono in media più costosi della tipologia di Fondi pensionistici collettivi, ma è un consiglio assolutamente da seguire quello di valutare sempre a priori il costo generale di un piano.
Quindi, non dimenticate che un Fondo previdenziale comporta vantaggi fiscali e, per i lavoratori dipendenti, anche l’ottenimento di un contributo del 13% del datore di lavoro.


In caso di Crollo dell’Economia
Affrontiamo questo aspetto, estremamente negativo, per esorcizzarne la venuta ma, comunque, per offrire indicazioni utili che aiuterebbero a salvare il proprio Fondo pensionistico.
Infatti, se fiutiamo il peggio, è utile sapere che si hanno 2 anni di tempo per cambiare del tutto fondo pensione. Quindi, che esistono condizioni anche per ottenere il riscatto totale dei propri soldi:
•    In caso di disoccupazione da oltre 4 anni
•    In caso di cambio di settore lavorativo o dell’azienda per cui si lavora
•    In caso di sopravvenuta Invalidità Permanente

Gli anticipi sul Versato
Puoi anche richiedere anticipi su quanto contenuto all’interno del tuo Fondo Pensionistico e i casi sono diversi:
•    Anticipo di un massimo del 75% dei risparmi, ma solo se iscritti al fondo da almeno 8 anni, per acquistare casa o aiutare i figli
•    Anticipo fino ad un massimo del 75% per spese mediche improvvise a favore vostro o del coniuge e figli
•    Anticipo del 50% per situazioni di mobilità, cassa integrazione o cessazione del rapporto di lavoro

Fonti:  Altroconsumo.it , Sole24Ore.it

Approfondisci leggendo come il Tfr può essere impiegato per la previdenza complementare
Consigliamo di valutare anche i cosiddetti Fondi Pensione Chiusi



Più letti

Validità assegno circolare: scadenza e conseguenze...

Un assegno circolare ha validità precisa che ogni cliente o utente di Banca ha l’obbligo di rispettare per non incappare in problemi legati al cambio dello stesso titolo di pagamento. Concentriamoc [ ... ]

Orari Banche: le aperture, Banca per Banca

Le informazioni relative agli orari di apertura e chiusura degli sportelli della tua Banca. Le informazioni Banca per Banca con i  contatti utili a conoscere gli orari delle Banche.

Apertura e Chi [ ... ]

CRO Bancario: come ottenerlo, per cosa utilizzarlo

Il codice di riferimento operazione (CRO) è un codice singolo di undici cifre. A cosa serve? E come possiamo ottenerlo?

Il CRO Bancario è un codice composto da undici cifre (codice riferimento op [ ... ]

Ricaricare una PostePay con una carta di credito: ...

Una PostePay è una comoda carta che è possibile ricaricare in diversi modi, compreso quello che prevede l'uso della carta di credito. Per sapere come ricaricare una PostePay, anche con carta di cred [ ... ]

Mav bancario: cos’è e come si effettua

Il Mav bancario è uno degli strumenti bancari più utilizzati, vediamo come si effettua e cosa comporta il suo utilizzo.

Mav: cos’è e cosa permette di fare
trong> Il Mav, conosciuto anche come pagame [ ... ]