You are here: Home » Mutui » Guide ai mutui » Come Cancellare l’ipoteca Giudiziale

Come Cancellare l’ipoteca Giudiziale

Tra le forme di ipoteca più ostiche, quella giudiziale può essere cancellata, ma a costo di un duro impegno nei confronti di banche e organi di controllo. Vediamo com’è possibile cancellare l’ipoteca giudiziale.


Ipoteca imposta dal Giudice
L’ipoteca Giudiziale è la forma di garanzia che il giudice, durante un’azione giudiziaria nei confronti del proprietario di un immobile, può apporre a danno dell’imputato di insolvenza nei confronti di qualche altro soggetto. Abbiamo affrontato il problema delle ipoteche giudiziarie descrivendone caratteristiche e modalità di applicazione, per questo consigliamo una lettura della nostra guida prima di procedere anche a favore di una loro risoluzione.

Estinzione del debito
Un’ipoteca, generalmente, è la forma di garanzia che le Banche richiedono ai propri clienti in funzione del rilascio di un prestito sostanzioso quale può essere il mutuo per l’acquisto di casa.
Nel caso dell’ipoteca Giudiziaria, invece, si ha l’azione coercitiva di un giudice che impone l’applicazione dell’ipoteca su un determinato immobile quale garanzia del pagamento del debito che il soggetto può aver contratto a danno di un soggetto. Non deve trattarsi necessariamente di un Istituto di credito bensì di un normale credito quale un’azienda, un professionista o anche un coniuge divorziato verso cui si ha un debito di natura pecuniaria. Ma come cancellare un’ipoteca giudiziaria “imposta dall’alto”?


La Cancellazione

Come qualsiasi ipoteca, anche per quella Giudiziale è possibile ottenerne la cancellazione. La logica che presuppone la sua eliminazione è, comunque, l’estinzione del credito, ma in questo caso le condizioni sono evidentemente più serie. Mentre per un’ipoteca volontaria basta rimborsare a piena una Banca, ad esempio, per cancellare l’ipoteca giudiziale bisogna comunque procedere all’estinzione totale del proprio debito, ottenere per giunta la dichiarazione di rinuncia all’ipoteca da parte del creditore, quindi presentarsi dal Giudice per un ordine di cancellazione.
In sostanza, bisogna dimostrare al medesimo Giudice che ha imposto l’ipoteca che il debito è stato estinto al fine di ottenere un ordine formale di cancellazione dell’ipoteca, l’unico davvero capace di eliminare del tutto il peso dell’ipoteca.

Tempi di attesa e Burocrazia
Ogni ipoteca e solitamente iscritta presso le liste della Conservatoria Immobiliare. Per cancellare un’ipoteca normale, dopo aver eseguito il rimborso del prestito bisogna comunque attendere che il nostro immobile venga definitivamente eliminato da tale lista. Ricordiamo anche che un’ipoteca è generalmente definita tramite atto notarile.
Nel caso in cui si volesse cancellare l’ipoteca giudiziale, invece, i tempi di attesa si prolungano inevitabilmente: bisogna, infatti, attendere che sia il Giudice ad emettere l’ordinanza di cancellazione di descritta, per cui non rimane che “preventivare” i tempi della giustizia Italiana, generalmente lunghi, anche per affrontare pratiche di questo genere.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *