Detrazione per il mutuo sulla prima casa

Scritto da Paolo Tritapepe.

detrazioni mutuo prima casa.jpgChi chiede un mutuo per acquistare casa ha a disposizione interessanti agevolazioni fiscali. Prendete nota delle possibilità che le banche possono offrirvi in tema di regimi fiscali, soprattutto della detrazione per mutuo prima casa.


Una detrazione per il mutuo ipotecario sulla prima casa è un'opzione prevista dalla legge italiana. È importante ricordare che si tratta, appunto, di agevolazioni fiscali previsti solo per chi affronta l'acquisto della prima casa: sono quindi esclusi mutui di qualunque altro genere.

Per la prima abitazione e la richiesta del mutuo è possibile usufruire della detrazione per mutuo prima casa fino al 19%, ammesso che l'eventuale trasformazione in abitazione (necessaria per alcuni immobili) sia stata emessa meno di dodici mesi prima. Inoltre, l'acquisto deve essere stato effettuato  un anno prima o, al massimo, un anno dopo della richiesta del mutuo e il titolare dell'immobile deve essere lo stesso che richiede il mutuo.


Gli oneri da cui è possibile trarre agevolazioni fiscali sono gli interessi passivi e gli oneri accessori; dal 2008 il limite massimo degli interessi passivi pagati è salito a 4.000,00 € (legge 244 del 2007) e comprende anche gli oneri accessori e le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione.

La detrazione per mutuo sulla prima casa stipulati è prevista solo per i prestiti rilasciati dopo l'anno 1993; per gli anni precedenti, variano le condizioni e si prende in considerazione l'anno in cui l'immobile è stato adibito in abitazione.

Un indice di cui tener conto, per la detrazione del mutuo sulla prima casa, è il valore effettivo dell'immobile: al mutuo verranno detratti gli interessi passivi solo per il valore reale dell'immobile, Quindi, anche se il mutuo richiesto sarà di importo maggiore, le agevolazioni fiscali riguarderanno solo la cifra effettiva del costo dell'immobile.

Per poter usufruire delle detrazioni è necessario presentare i seguenti documenti:

 Copia del contratto del mutuo
 Copia del contratto di compravendita dell'immobile
 Quietanze di pagamento degli interessi passivi e degli oneri accessori
 Registri anagrafici che dimostrino lo scopo abitativo dell'immobile
 Autocertificazione nel caso in cui la dimora abituale registrata sia diversa

Per informazioni dettagliate sulla propria situazione patrimoniale, è consigliato il ricorso diretto alle agenzie delle entrate, che potranno fornire ulteriori dettagli individuali.

 



Più letti

Tassa Successione conto corrente

In caso di decesso di un familiare, la tassa di successione del conto corrente subentra per eseguire il trasferimento del patrimonio a favore di un figlio o del coniuge. Ma vediamo bene come ciò a [ ... ]

Come si Compila un Assegno: la guida

Sapere come compilare l’assegno è fondamentale: basta un dato inserito male o un campo lasciato vuoto per bloccarne la sua riscossione o il cambio in contanti. Per non sbagliare c’è la nostra gu [ ... ]

Qual'è il Numero Carta di Credito? I numeri, a cos...

Aggiornato il 15-03-2014 - Ogni carta di credito riporta, stampati sulla propria superficie, una serie di numeri e codici che bisogna saper distinguere. Vediamo insieme il numero di Carta di Credi [ ... ]

Cointestazione Conto Corrente: Firma Disgiunta o C...

La cointestazione del conto corrente è una possibile di sicuro interesse per chi, all’interno di una famiglia per esempio, vuole condividere un conto bancario riducendo le spese. E’ importante, p [ ... ]

Costi Chiusura Conto: attenti alle Sorprese

Quanto costa a un cliente di banca chiudere il proprio conto? Vi sveliamo informazioni molto importanti, vi diciamo cosa afferma la legge, vi guidiamo verso le verità. Approfondiamo il problema dei c [ ... ]