assegni a vuoto

Assegni a Vuoto: quali Conseguenze

Assegni a VuotoL’assegno è uno strumento di pagamento e in quanto tale deve essere impiegato con la massima attenzione. In quanto tale, però, può essere impiegato con scopi illeciti e per concretizzare truffe. Gli assegni a vuoto costituiscono un esempio di come lo strumento possa essere impiegato illegalmente.

Quali sono le conseguenze di assegni a vuoto

Molti di noi impiegano abitualmente gli assegni quale mezzo di pagamento. Compilandolo, in sostanza, si offre la possibilità al nostro creditore di recarsi in banca a riscuotere la somma indicata.
Ma se nel nostro conto corrente non ci sono risparmi?
Ecco che il creditore ha in mano un cosiddetto assegno a vuoto, ossia che la banca non gli pagherà a causa di un conto corrente privo di fondi.
Ma quali sono le conseguenze per chi ha emesso l’assegno e per chi lo ha ricevuto in cambio di una prestazione o della vendita di un bene?

Chi Riceve Assegni a Vuoto

Per chi si ritrova con un assegno non coperto noi suggeriamo di eseguire comunque alcune operazioni, in ogni caso, al fine di mettere in moto quelle dinamiche fondamentali

  • a risolvere la situazione a proprio favore.
  •  Presentarlo in Banca: il primo passo per avviare quelle pratiche che concretizzano il “protesto” ai danni di chi ha emesso l’assegno.
  •  Denuncia presso le autorità giudiziarie: un atto preventivo alla luce del fatto che la Banca titolare del conto corrente di chi ha emesso l’assegno, per tutelarsi, può decidere di non accettare il titolo di pagamento (la Legge lo permette)
  • Consulenza Legale: sebbene ci si trovi dal lato della ragione, il percorso per ottenere il denaro (salvo accordi differenti con il debitore) è lungo, quindi necessita di un affiancamento legale.
Ti può interessare anche:  Conto corrente condominiale: opportuno

Chi emette Assegni a Vuoto

Emettere assegni scoperti, naturalmente, implica l’avvio di una serie di conseguenze abbastanza gravi per il correntista scorretto.
• Segnalazione presso la CAI, ossia la Centrale di Allarme Interbancaria che blocca l’erogazione futura di finanziamenti, prestiti e mutui di qualsiasi genere per periodi di tempo anche lunghi.

  • Protesto: conseguenza diretta della segnalazione presso la CAI.
  • Processo Giudiziario a fronte di possibili denunce inoltrate dal creditore
  • Condanna e Sanzioni riconosciute dal Giudice
  • Conseguenti difficoltà ad ottenere nuovi assegni, ad ottenere l’apertura di nuovi conti correnti e ad usufruire dei classici servizi bancari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *