Libretto Postale Smart: Conviene? Opinioni, Vantaggi, Rischi e Svantaggi del libretto postale smart

Noi italiani, è risaputo, siamo conosciuti in tutto il mondo per essere un popolo di risparmiatori. Ci piace lavorare e vedere fruttare i nostri investimenti. Il nostro obiettivo è trovare una fonte sicura a cui affidare il nostro gruzzoletto.  C’è, a dire il vero, chi preferisce riporre i propri soldi sotto al cuscino. Ma la maggior parte di noi ama il rischio dell’investimento. Dunque, come investire i nostri risparmi?

Il libretto Smart Poste può essere un’occasione davvero unica per conservare il nostro denaro. Innanzitutto, non si tratta di un vero e proprio investimento. Difatti, è più una fonte di risparmio, che ci permette a dire il vero di ottenere un minimo utile nel corso del tempo. Non avendo spese accessorie, si rivolge ad un pubblico quanto mai variegato: dalla casalinga all’imprenditore, chiunque può decidere di riporre al sicuro il proprio denaro optando per questa sicura soluzione.

libretto postale smart

Libretto postale: una tradizionale forma di risparmio

Innanzitutto, il suo vantaggio principale è dato dal fatto di essere certificato dalle Poste italiane. E su questo punto possiamo stare assolutamente tranquilli. Sono sinonimo di efficienza, sebbene non rappresentano una fonte di cospicuo guadagno. Potreste essere contattati tramite call center o quant’altro per sottoscrivere il libretto di risparmio: diffidate! Sicuramente, siete di fronte ad un tentativo di truffa. Difatti, questo tipo di libretto può essere redatto solo recandosi fisicamente presso uno dei tanti uffici di Poste Italiane ubicati nel territorio nazionale. Esistono due principali forme di libretto: quello cartaceo, che sarebbe la forma classica, adatta ad una tipologia di risparmiatori non a suo agio con le tecnologie moderne, e quello dematerializzato, rivolto ad un pubblico sicuramente più giovane ed in pieno controllo delle nuove risorse.

Il requisito fondamentale per possedere un Libretto Postale Smart è dato dal raggiungimento della maggiore età. A partire dal diciottesimo anno di età, indipendentemente dalla professione svolta, una qualunque persona fisica può recarsi in qualunque sportello postale nel territorio italiano per sottoscrivere questo tipo di risparmio. Un’altro vantaggio di questo libretto di risparmio è dato dal fatto di poter essere cointestato: difatti, lo stesso può essere intestato ad un numero di persone fisiche non superiori a quattro. Ciò vuol dire che ogni persona fisica può essere cointestataria di più di un libretto Smart. In caso di libretto cointestato, ciascuna persona può agire disgiuntamente dalle altre per ciò che riguarda il prelievo o anche il deposito di denaro. Basterà solamente dimostrare, tramite documento di identità, di essere cointestatari del libretto.

Il libretto postale: caratteristiche e funzionalità

Ovviamente, se avrete scelto il libretto cartaceo, ogni volta che vi recherete all’ufficio postale per prelievi o versamenti, avrete segnati tutti i movimenti direttamente nello stesso. Ciò non esclude che, se effettuerete prelievi ad esempio tramite carta, i movimenti saranno registrati successivamente, in modo tale da avere un libretto di risparmio ordinato e preciso. Ovviamente, per ciò che riguarda il libretto dematerializzato, tutte le operazioni saranno registrate in maniera assolutamente automatica all’atto del perfezionamento di ogni singola operazione. In quest’ultimo caso, sarà offerta con periodicità sui siti internet delle poste italiane, una lista aggiornata di tutte le operazioni effettuate, in modo tale che gli intestatari del conto possano rendersi conto di tutti i movimenti e segnalare eventuali anomalie che saranno tempestivamente bloccate da Poste Italiane, avvalendosi della piena collaborazione delle autorità giudiziarie, e potendosi servire delle normative vigenti di legge.

La differenza tra il libretto postale tradizionale ed il libretto postale Smart

Ovviamente, in caso di adesione al Libretto Postale Smart, Poste Italiane rilascerà una carta per ogni richiedente. Queste saranno in numero pari ad ogni cointestatario per ciò che riguarda il libretto dematerializzato mentre potrà essere unica in caso di libretto cartaceo, anche se, in questo ultimo caso, ciascuno dei cointestatari potrà richiedere la specifica carta.
I titolari di vecchi libretti di risparmio delle Poste Italiane potranno richiedere il passaggio, che avverrà in maniera automatica, al libretto di risparmio Smart delle Poste Italiane in forma cartacea. I clienti matureranno interessi a partire già dal primo giorno in cui andranno a versare i propri risparmi, con un tasso base calcolato allo 0,001% fino a chiaramente il momento in cui gli stessi non procederanno a ritirare il contenuto, a patto che nello stesso venga versata una somma superiore a 250,00 euro. In questo caso, trascorsi cinque anni dall’ultimo versamento, il libretto viene dichiarato dormiente e cessa dunque di essere fruttifero. Invece, un libretto con un saldo superiore a 100,00 euro e nel quale non vengano effettuati movimenti per un periodo superiore a 10 anni, rientra nel fondo dei depositi dormienti.

Qualcuno si chiederà, ovviamente, quanto costa in termini pratici questo libretto di risparmio Smart. Esistono delle specifiche normative che ne disciplinano i costi e che permettano agli intestatari di non farsi trovare impreparati. A tutti gli interessi viene applicata una ritenuta pari al 26%. Tutti i libretti sono sottoposti ad un’imposta di bollo fissa pari a 34,20 che però non si applica se il contenuto del libretto risulta essere inferiore a 5000,00 euro. Ovviamente, in caso di libretto che non presenti saldo sufficiente a soddisfare gli oneri fiscali, lo stesso va incontro a naturale estinzione.

Libretto Postale Smart: cosa fare quando viene smarrito?

Ma cosa bisogna fare nel momento in cui il libretto postale Smart viene smarrito oppure sottratto? In questi casi, bisogna semplicemente recarsi agli uffici postali per richiederne la duplicazione, tramite la compilazione e sottoscrizione dell’apposito modulo. In caso di furto, sarà necessario rivolgersi all’autorità giudiziaria e procedere all’apposita segnalazione, presentandone una copia agli uffici postali. Questo servizio comporta il pagamento a Poste italiane di un corrispettivo pari a 1,55 euro per riceverne il duplicato.
Ai titolari del libretto di Poste Italiane è consentito il deposito di bonifici nazionali provenienti da conti correnti facenti capo agli intestatari, oltre che un’ulteriore variegata e ricca offerta consultabile direttamente nel sito di Poste Italiane, tra cui spiccano le ricariche Postepay. Inoltre, è possibile trasferire cifre tramite assegni bancari, recandosi direttamente presso uno degli uffici postali. In questo specifico caso, si avrà l’accredito della somma corrispondente dopo un periodo di tempo predeterminato.

Chiunque non fosse contento del proprio Libretto Postale Smart, può procedere con la sua estinzione. Questa può essere effettuata in qualunque momento, e non comporta alcuna spesa. Esistono dei limiti specifici per quanto riguarda il prelievo di somme presso gli ATM esterni agli uffici postali: si possono prelevare, difatti, fino a 600 euro al giorno e 2500 euro al mese. Tali limiti non si impongono ovviamente in caso di prelievo all’interno degli sportelli presso gli uffici postali, potendo scegliere in propria autonomia la somma da prelevare.
In definita, il Libretto Postale Smart è una scelta assolutamente conveniente per i piccoli risparmiatori, in quanto non comporta alcuna spesa di sorta anche se, a dire il vero, i vantaggi economici sono davvero miseri. Può essere un modo per mettere al sicuro il proprio gruzzoletto, senza la preoccupazione di vederlo dilapidato in operazioni maldestre e sconsiderate.


Leave a Reply