buoni fruttiferi

Buoni Fruttiferi Postali: conoscerli per investire

In Banca o alle poste, i Buoni Fruttiferi costituiscono sempre una scelta di investimento di una certa sicurezza. Vediamone insieme le caratteristiche per valutarne la convenienza.

Scegliere i Buoni Fruttiferi Postali

Tra le caratteristiche principali di questi buoni segnaliamo, innanzitutto, il basso rischio che essi comportano in quanto investimento che assicura un diritto al rimborso del capitale.
I buoni fruttiferi postali, infatti, prevedono la sottoscrizione di un contratto di acquisto al termine del quale l’acquirente ha diritto ha ricevere indietro la somma investita.
Segnaliamo, inoltre, che in molti casi le Banche e le Poste Italiane prevedono anche la facoltà di rimborso anticipato e che la presenza del tasso di un tasso fisso proteggono anche l’investimento dall’andamento troppo negativo del mercato. La durata massima per i buoni fruttiferi postali è di 24 mesi.

In Banca e Alle Poste

Scegliere questa tipologia di prodotti finanziari è oggi possibile grazie alla varietà di offerte avanzata non solo da Poste Italiane, storicamente impegnata nella distribuzione di buoni fruttiferi garantiti dallo Stato, ma anche da diversi gruppi Bancari. In questi ultimi casi gli investimenti sono tutelati dal Fondo Interbancario per i depositi che copre le somme di denaro entro determinate soglie. Unicredit Banca è oggi attiva nell’offerta di tali strumenti d’investimento e come le sue filiali, anche quelle di Banca di Roma e Banco di Sicilia ne permettono l’acquisto.

Come funzionano i Buoni Fruttiferi Postali

I Buoni fruttiferi Postali sono sottoscrivibili presso gli sportelli di Poste Italiane e nelle filiali delle Banche che ne dispongono. Avendo durata massima di 24 mesi, il contratto scade al termine prestabilito garantendo all’investitore il rimborso della somma a cui si aggiunge, se il mercato si è comportato bene, anche un interesse maturato su di essa.
Per i clienti che non volessero attendere la scadenza dei 24 mesi. Ricordiamo la possibilità di usufruire del rimborso anticipato che permette di “ritirare” il proprio investimento.

Ti può interessare anche:  Imposta di registro prima casa: che cos'è, a quanto ammonta e come si calcola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *