Bonus Assunzioni 2018: disoccupati, donne, sud, giovani. Tutti gli sgravi e le agevolazioni per le nuove assunzioni

Il mondo del lavoro attraversa una crisi profonda intergenerazionale ed internazionale. In Italia la disoccupazione colpisce soprattutto il Meridione, dove la mancanza di fondi, la crisi economica, mali sociali come il pizzo, portano continuamente alla chiusura di aziende private e all’impossibilità di nuovi investimenti.
Al fine di favorire l’imprenditoria al sud nonchè incrementare l’occupazione disenticevando l’emigrazione, è nato il Bonus Assunzioni Sud, attualmente disciplinato dalla Legge di Bilancio 2018.

Cos’è il Bonus Assunzioni Sud 2018?

E’ un’agevolazione fiscale riservata ai datori di lavoro privati, con il fine di spingerli ad assumere, indipendemente dall’esigenza concreta, diverse fasce generazionali e sociali: si va dagli under 35, donne, over 50, rifugiati, lavoratori in mobilità e disabili. Le assunzioni devono avvenire con contratto a tempo pieno ed indeterminato, o in alcuni casi a part-time.

Naturalmente, a seconda della tipologia contrattuale, si avranno diverse agevolazioni fiscali:

  • Per le assunzioni a tempo pieno ed indeterminato viene statuito uno sgravio contributivo del 100% per un valore massimo di 8060 euro per tutto il primo anno di lavoro, per poi scendere, laddove prorogato, al 50% per il secondo e terzo dall’assunzione.
  • Per le assunzioni a part-time lo sgravio contributivo viene legato in maniera proporzionale all’orario di lavoro e spetta solo per il primo anno esclusivamente nelle regioni indicate dalla legge, dietro apposita compilazione del modulo B. Sud ed approvazione da parte dell’INPS (al momento nulla ancora è previsto per il 2018).

Una disciplina fiscale diversa, riguarda, poi, le assunzioni degli studenti, in tal caso si può ottenere uno sgravio fiscale pari al 100%, per una durata massima di anni 3 ed un importo di 3.000€.

Tuttavia per accedere a tale agevolazioni, gli studenti dovranno essere assunti entro 6 mesi dal conseguimento dellla laurea:

  • Dal datore di lavoro presso cui avranno alternato scuola/lavoro;
  • Dal datore di lavoro, dove abbiamo svolto l’apprendistato.

Le aziende devono avvalersi dell’incentivo integralmente entro e non oltre il 29 febbraio 2020. Oltre al Bonus Sud, per le medesime, è possibile, contemporaneamente giovarsi del Bonus Assunzioni Giovani 2018 introdotto dalla Legge di Stabilità purchè non superi il limite massimo degli 8060 euro per il primo anno di assunzione.

Bonus contributivo 2018 per le cooperative sociali

La Legge di Bilancio 2018 ha, peraltro, introdotto un nuovo bonus contributivo per tutte le cooperative sociali che assumono le seguenti categorie:

  • Donne vittime di violenza, per un massimo di 36 mesi per i contratti stipulati entro il 31 dicembre 2018 e con decorrenza successiva al 31 dicembre 2017;
  • Rifugiati politici per massimo 36 mesi e per i contratti a tempo indeterminato stipulati dalla fine del 2017 e fino alla fine del 2018.

Bonus 2018 Assunzioni Sud over 50

Particolari sgravi sono previsti per le aziende che assumono gli over 50. Si tratta di soggetti che non sono più giovanissimi, ma nanche tanto vecchi da andare in pensione. In tal caso sono previste per le aziende che assumono lavoratori over 50 disoccupati da almeno 12 mesi, agevolazioni contributive pari al 50% per:

  • 12 mesi in caso di assunzione con contratto a tempo determinato;
  • 18 mesi nel caso di contratto a tempo indeterminato.

Bonus Assunzioni Sud 2018 donne disoccupate

E’ richiesta una disoccupazione minima di 24 mesi, che scende a 6 mesi nel caso si tratti di settori in cui le donne trovano poca occupazione. Lo sgravio contributivo per le aziende è pari al 50% per:

  • 12 mesi in caso di assunzione con contratto a tempo determinato;
  • 18 mesi nel caso di contratto a tempo indeterminato.

Requisiti per accedere al Bonus

Le aziende, per poter usufruire del Bonus Assunzioni Sud 2018, devono rispettare ed integrare una serie di requisiti. Geograficamente devono essere ubicate, ovvero avere sede legale, in determinate regioni del Sud Italia, e precisamente, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia oppure in quelle definite in transizione, ovvero Sardegna, Abruzzo e Molise.

Temporalmente le assunzioni devono avvenire, tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2018, ed essere rivolte ai lavoratori di età:

  • Compresa fra i 16 e i 34 anni al momento dell’assunzione o stabilizzazione
  • Non oltre 35 anni di età purchè siano privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

Giuridicamente si deve trattare di aziende private e che non abbiano effettuato licenziamenti collettivi o individuali nei 6 mesi precedenti le assunzioni.

Come accedere al Bonus Assunzioni Sud

I datori di lavoro interessati devono compilare ed inviare apposita istanza telematica all’INPS.
Ricevuta la domanda l’INPS effettua le seguenti operazioni di controllo:

  • Quantifica l’importo dello sgravio;
  • Verifica i requisiti di ammissione;
  • Valuta la disponibilità delle risorse disponibili.

Effettuate tali operazioni, in caso di esito positivo da comunicazione al datore di lavoro della disponibilità dell’incentivo e ne dispone prenotazione, a sua volta, il datore di lavoro entro e non oltre 10 giorni deve dare conferma della sua accettazione. L’azienda, a questo punto, riceve il codice di autorizzazione e procede a usufruire dell’incentivo e di eventuali arretrati.


Leave a Reply