imposta registro prima casa

Incentivi Prima Casa: le agevolazioni

Incentivi Prima CasaPer chi è nell’ottica di acquistare la prima casa deve sapere dell’esistenza di incentivi, ossia di forme di agevolazione a livello economico e fiscale. Facciamo il punto della situazione per proporre un quadro completo di tutti gli incentivi sulla prima casa.

Agevolazioni Fiscali


Tra le forme di incentivi di maggior peso bisogna inizialmente porre quelle di carattere economico-fiscale. Bisogna quindi, far necessariamente riferimento a novità in termini di imposte, bolli e detrazioni che il Fisco Italiano e la Legge offre. Bisogna altresì premettere, comunque, che si tratta di incentivi di cui è possibile usufruire quando si accende un mutuo ipotecario.

Le agevolazioni previste consistono in:

  • Riduzione dell’imposta di registro dal 7% al 3%, acquistando casa da privati, non da Imprese o aziende;

  • Riduzione dell’Iva dal 10% al 4%, se si acquista casa direttamente da un’impresa edile;

  • Tassa ipotecaria fissa di € 168, anziché equivalente al 2% del valore dell’immobile;

  • Imposta catastale fissa di € 168, anziché equivalente all’1% del valore dell’immobile;

  • Detrazione Fiscale: è possibile detrarre dal versamento Irpef il 19% degli interessi pagati per il mutuo.


Requisiti per gli Incentivi

Fondamentale sapere che per usufruire degli incentivi per la prima casa esistono dei requisiti che un potenziale beneficiario deve necessariamente rispettare. Il consiglio fondamentale che diamo è di leggerli bene e per farlo vi indichiamo la nostra guida specifica alle agevolazioni per la rima casa molto dettagliata. Di primaria importanza è fare riferimento alla propria residenza e all’uso che si vuole fare dell’immobile da acquistare: le differenze primarie, specificate nella nostra guida, passano principalmente tra un uso come “prima casa” e seconda casa e tra residenze diverse rispetto al comune in cui si trova la casa.


Tassazione: situazione IMU
Una parentesi a parte la merita la voce tassazione e, soprattutto, quella dell’IMU. Sebbene la tassa non sia stata cancellata per la prima casa, possiamo comunque azzardarci ad affiancare il trattamento lievemente più favorevole agli incentivi per la prima casa previsti a livello fiscale e tributario. La situazione prevede che anche per la prima abitazione i proprietari versino la nuova tassa IMU, anche se in percentuale inferiore rispetto a quanto devono fare le Aziende proprietarie di Immobili e i proprietari di seconde case che vengono, per giunta, affittate. Le aliquote applicate variano poiché la decisione è a discrezione dei Comuni.


Ti può interessare anche:  Incentivi Rinnovabili: le novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *