banche italiane sicure

Banche Italiane più sicure: quali sono e come proteggere i propri risparmi

Quando ci si rivolge ad una banca per affidare i propri risparmi si punta a due obiettivi. Da un lato si cerca un istituto di credito che sia sicuro e solido, in cui riporre fiducia senza l’ansia di vedersi sottratto il gruzzoletto di una vita; dall’altro si cerca una banca che faccia risparmiare, o che almeno non ci faccia ritrovare con una somma inferiore a quella depositata.

Non è facile soddisfare queste due esigenze contrapposte. Se poi si aggiunge la dilagante sfiducia dovuta alle continue notizie di crisi a cui le banche sembrano continuamente essere  soggette, il gioco è presto fatto, scegliere la banca migliore può sembrare un’impresa titanica.

In realtà nulla è impossibile. Il primo passo per evitare errori è sicuramente quello di leggere e informarsi, così da capire a chi ci stiamo affidando. A tal fine di seguito trovate la lista aggiornata delle banche più sicure secondo i criteri della Bce e secondo uno studio dell’Università Bocconi.

Lista banche italiane più sicure secondo la Bce

Secondo la Banca Centrare Europea sono 5 le banche italiane più sicure.

La classifica della Bce è stata stilata nell’ambito della procedura Srep (Supervisory Review and Evaluation Process) e si basa principalmente su due elementi:

  • il Cet1 ovvero il valore che indica il livello di sicurezza e solidità della banca;
  • il Cet1 ratio ovvero il rapporto che indica la soglia di capital guidance.

Tenendo conto dei risultati dell’ultimo stress test della Bce del 2016 e dei dati degli ultimi bilanci delle bance italiane, si riscontra che i requisti dell’Eurotower sono più che rispettati dagli istituti in classifica.

Tuttavia gli elementi che la Bce considera al fine di valutare come sicuro un istituto, per quanto siano di fondamentale importanza, non bastano per escludere qualsiasi rischio.

Detto ciò vediamo le banche italiane reputate più sicure secondo la Bce:

  1. Intesta Sanpaolo a cui la Bce ha chiesto un Cet1 di almeno 7,25% che poi dovrà arrivare al 9,25%, obiettivo ampiamento raggiunto con il 12,8% del settembre 2016.
  2. Unicredit a cui la Bce ha chiesto un Cet1 di almeno 8,75% obiettivo già ampiamente raggiunto con l’11% del settembre 2016.
  3. Ubi Banca a cui la Bce ha chiesto un Cet1 di almeno il 7,5% valore superato a settembre 2016 con l’11,68%.
  4. Credem a cui la Bce ha chiesto un Cet1 del 6,75% superato a settembre 2016 con il 13,51%.
  5. Bper con un Cet1 del 7,25% superato lo scorso settembre 2016 con il 14,47%.
Ti può interessare anche:  Direttiva Mifid: tutela sugli investimenti

Lista banche italiane più sicure secondo lo studio della Bocconi

Per ottenere un quadro più completo del panorama delle banche italiane solide, la lista della Bce va integrata con quella frutto di uno studio risalente a fine 2015 condotto dall’Università Bocconi.

Questo studio merita di essere citato perchè tiene conto, oltre che dei criteri analizzati dalla Bce, anche di altri parametri, dando un quadro più completo della sicurezza delle banche italine.

Per stilare la lista banche italiane sicure, la Bocconi ha preso in considerazione ben sette indici diversi. Ecco quali sono:

  • Cet1, Tier 1, Total capital ratio, si tratta di tre indici relativi alla capacità di patrimonializzazione della banca:
  • margine d’interesse più il saldo da commissioni e altri ricavi, consiste in un indice che si riferisce alla redditività sul totale attivo;
  • andamento in Borsa nel 2015;
  • ISC ovvero l’indicatore sintetico del costo annuo che dà un prezzo di riferimento del conto corrente.

Tenuto conto di questi indici ne è derivato che quelle che seguono sono le banche sicure 2017:

  1. Intesa Sanpaolo, con 114 punti;
  2. Ubi Banca con 111 punti;
  3. Banco Popolare con 101 punti;
  4. Credem con 101 punti;
  5. Bpm con 95 punti;
  6. Mps con 85 punti;
  7. Bper con 85 punti;
  8. Credito Valtellinese con 80 punti;
  9. Banca Carige con 71 punti;
  10. Unicredit con 81 punti.

E’ necessario specificare che Mediolanum, secondo la ricerca della Bocconi, è la banca con maggiore indice si solidità patrimoniale, ma non è nella classifica perchè lavora con i promotori. Altra esclusa è Mediobanca, la cui offerta è rivolta ai clienti retail.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *