guidainvestim

Guida investimenti

Guida investimentiGuida Investimenti: tuteliamo i risparmi

Avere a disposizione una guida agli investimenti rappresenta una valida opportunità per conoscere tutti i segreti che ci permettono di tutelare i nostri risparmi. Scopriamo insieme la guida agli investimenti.


Gli investimenti rappresentano una utilissima, e a volte efficace, forma di impiego dei propri risparmi che può garantire al risparmiatore anche interessanti guadagni.
Ma, in qualsiasi momento decidessimo di fare degli investimenti, qualsiasi essi siano, è molto importante avere ben chiari i consigli di questa utile “guida investimenti:” si tratta, infatti, di alcuni accorgimenti che tutti dovrebbero rispettare per evitare spiacevoli sorprese e  tenere al sicuro tutti i propri risparmi.

Verifica dell’interlocutore.
Questa “guida investimenti” inizia con il prendere subito in considerazione il “chi” entra in rapporto con il risparmiatore intenzionato ad investire il proprio denaro.
Infatti, chiunque di noi voglia fare un investimento deve rivolgersi ad un intermediario, un professionista del ramo. Ebbene, è doveroso ricordare che gli investimento possono essere proposti solo da soggetti autorizzati tra cui possiamo prendere in considerazione le Società di Intermediazione Mobiliare (SIM), le Banche, Bancoposta, gli Intermediari Finanziari iscritti all’apposito albo, le Società di Gestione del Risparmio (SGR).
Quindi, se ci troviamo a trattare possibili investimenti in casa nostra, la “guida investimenti” vi consiglia di chiedere sempre il tesserino di riconoscimento dell’intermediario o dell’agente che avete di fronte mentre, se vi recate in banca, sappiate che le possibilità sono due: potrete trattare con un impiegato dell’ufficio titoli preparato e competente o con semplici promotori che si limitano a promuovere i prodotti della banca o degli intermediari per cui operano.
L’accorgimento, quindi, deve essere quello di verificare sempre che chi sia ha di fronte sie effettivamente autorizzato a promuovere investimenti.

Il rendimento degli investimenti
Altro argomento sensibile di questa “guida investimenti” sono i rendimenti: non tutti gli investimento possono rendere, in termini di guadagno, nella stessa maniera.
Comunque è bene sapere che, nel campo degli investimenti, un rendimento alto è sempre legato a rischi più elevati rispetto ad investimenti che garantiscono rendite meno elevate.
Inoltre non esistono investimenti a rischio zero: è il cosiddetto rating a specificare il livello di rischio. E’ utile chiedere sempre il rating relativo ad un investimento e diffidare di quelli che ne sono sprovvisti.

Decisioni oculate
Dal momento che la scelta finale spetta sempre all’investitore, “guida investimenti” consiglia di ragionare bene prima di decidere. Come fare, quindi?
Può essere importante iniziare a capire se volete effettuare investimenti a breve, medio o lungo termine e il tipo di investimento: guadagni maggiori sono generalmente legati ad investimenti a medio-lungo termine.
Fatevi sempre rilasciare tutta la documentazione informativa sull’investimento e leggetela attentamente per conoscere bene i rischi.
Relativamente a investimenti in Azioni, Fondi comuni, Derivati, è bene sapere che possono causare anche la perdita del capitale investito.
Accettate sempre l’aiuto di chi è più esperto.

Ti può interessare anche:  RID Bancario sostituito dal Sepa Direct Debit

I Prodotti complessi
Si tratta di Swap, Futures, Option, ossia obbligazioni strutturate e strumenti derivati.
Essendo complessi nella composizione possono risultare difficili da capire per un normale risparmiatore poco addentrato nelle dinamiche finanziarie di investimento. Inoltre sarebbe bene per i piccoli risparmiatori evitare di trattare i cosiddetti “strumenti derivati”.
La nostra “guida investimenti”, quindi, consiglia di farsele ben spiegare da un esperto e di acquistarli solo se sono stati effettivamente ben compresi evitando, quindi, di decidere solo in base alla propria fiducia verso la banca.
Inoltre, in caso di investimenti di questo tipo, è bene sempre tenere sotto controllo il loro andamento sui mercati ufficiali.

Contratto
Prima della stipula del contratto è molto importante farsi ben spiegare tutti i costi che devono anche essere inclusi nel contratto d’acquisto: ci riferiamo alle commissioni e alle spese di gestione dei titoli.
Inoltre ogni contratto, che deve essere sottoscritto, deve anche essere preceduto da un ordine d’acquisto di cui il cliente deve detenere una copia. In caso di ordine telefonico è necessaria la registrazione. In caso di ordini online è fondamentale accertarsi della qualità dei siti web controllando presso le Autorità l’effettiva esistenza degli intermediari che vi operano.
Inoltre bisogna ricordare di non versare mai in contanti o con assegno all’impiegato o al promotore, bensì con assegno non trasferibile intestato alla banca, alla SIM o alla SGR.

Eventuali reclami
In caso di problemi il primo interlocutore a cui rivolgersi è rappresentato dall’ufficio clienti/reclami della banca o dell0intermediario con cui abbiamo operato.
Inoltre, novità assoluta dal 2009, è anche la possibilità di rivolgersi alla Consob dove è presente una Camera di Conciliazione a Arbitrato che si trova a Roma (Via delle Botteghe Oscure 54).
Naturalmente ogni reclamo deve essere ben motivato e presentato in forma scritta.
Infine la magistratura: è sempre un diritto di tutti i cittadini la richiesta di giustizia nei confronti del tribunale e di un Magistrato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *