investire in svizzera

Investire in Svizzera: investimenti remunerativi?

investire in svizzeraPer chi volesse ragionare su come investire in Svizzera in maniera assolutamente trasparente e regolare, vi sono alcune soluzioni interessanti da analizzare. Le vediamo insieme cercando di capire se possono essere elementi di vantaggio, e se si quali, rispetto ai prodotti bancari presenti in Italia.

E’ interessante valutare soluzioni di investimento in Svizzera poiché i tassi di interesse proposti dagli Istituti elvetici sono abbastanza più elevati e quindi remunerativi di quelli praticati dalle nostre Banche. Investire in Svizzera, quindi, dovrebbe significare valutare i prodotti delle Poste Elvetiche o delle Banche.

Investire in Svizzera: cosa offrono le Banche

Presso le Banche svizzere è interessante il conto di risparmio dove il tasso di interesse è di circa l’1%. Ricordiamo che i conti base delle nostre Banche sono spesso prossimo allo 0%. I Conti di deposito, invece, non sono più convenienti dei prodotti equivalenti che possiamo trovare da noi.

Inoltre bisogna anche considerare i costi che in Svizzera non sono comunque inferiori: per i conti base vi sono spese di chiusura insieme a costi aggiuntivi nel caso in cui si superino determinate soglie nel numero delle operazioni.

Investire in Svizzera: Le poste Elvetiche
Come accade con le nostre Poste anche in Svizzera l’Istituto sta assumendo sempre più l’aspetto di un istituto bancario e i suoi prodotti si avvicinano gradualmente a prodotti bancari. Le poste Svizzere permettono di aprire un conto corrente con costi bassissimi e un tasso di interesse interessante. Anche in questo caso è presente un conto di deposito ma si registrano costi più elevati e tassi di interesse in linea con quelli Italiani.

Consigli finali
Molto probabilmente la piazza Svizzera non sembra garantire soluzioni di investimento a chi non può investire somme rilevanti. Ai normali risparmiatori, in effetti, Banche e Posta svizzere garantiscono solo maggior sicurezza rispetto ai venti di crisi e ai rischi di fallimento di Banche e Istituti di altri Paesi.

Ti può interessare anche:  Crisi Economica: difendiamo i risparmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *