Circuito Mastercard

Circuito MastercardCircuito Mastercard

Si tratta di uno dei maggiori circuiti mondiali a cui fanno riferimento carte di credito e servizi di pagamento di cui usufruiscono milioni di utenti ogni giorno.

Il Circuito Mastercard è un prodotto della famosa MasterCard Worldwide che è un’organizzazione creata e gestita da ben 25.000 istituti finanziari: questi emettono carte di credito con il suo marchio e danno avita, appunto, a questo grandissimo circuito finanziario che smuove quotidianamente milioni di euro.

Cenni storici
Alle origini del grande circuito Mastercard poniamo una società che venne creata dalla United California Bank, Crocker National Bank e da Bank of California con l’intenzione di competere con un  BankAmericard ( ora VISA) che veniva già emessa da Bank of America.

Mastercard oggi
Nel corso degli anni Mastercard ha dato vita ad un vero circuito, ossia ad una rete globale basata sulla collaborazione di istituti bancari ed esercizi commerciali dove è possibile acquistare e utilizzare le carte di credito e tutti i prodotti legati al marchio.
Oltre a MasterCard vi sono anche i marchi, Maestro , Cirrus e MasterCard  PayPass.

La sicurezza
L’evoluzione del circuito Mastercard negli anni  ha seguito soprattutto la logica e l’obiettivo della massima sicurezza: così, accanto all’offerta di procedure semplice e veloci, oltre che efficienti, sono stati messe in campo anche difese necessaria e garantire trasferimenti di denaro e operazioni su scala mondiale.
Il circuito Mastercard  si basa su una VPN sicura ed efficiente sempre aperta a nuove soluzioni tecnologiche.

Offerta di prodotti
L’offerta di prodotti legati al circuito Mastercard è ampia e dedicata a diverse fasce d’utenza.
Nello specifico è possibile distinguere tra Carte Personali e Carte Aziendali.
Carte Personali:
• Carta Classic
• Carta Gold
• Carta Platinum
Carte Aziendali:
• Carta Business
• Carta Corporate

Per maggiori informazioni su prodotti e i servizi è possibile visitare il sito ufficiale www.mastercard.com


Leave a Reply