cambiare conto corrente

Cambiare conto Corrente: cosa fare per non sbagliare

Cambiare conto CorrenteCambiare conto Corrente: cosa fare per non sbagliare

Ci sono alcune cose fondamentali da sapere prima di cambiare il conto corrente.  Dopo aver individuato l’alternativa al nostro conto seguiamo attentamente questi accorgimenti.

Cambiare il conto
Possono essere diverse le ragioni che ci spingono a cambiare il conto corrente: preferiamo passare a una banca che assicura condizioni migliori, i nostri interessi creditori sono ormai bassissimi, abbiamo bisogno di servizi aggiuntivi che il nostro conto non ha. Prima di eseguire le operazioni necessarie schiariamoci le idee su cosa c’è da fare.

Valutiamo l’offerta
Le banche sono tante e ancor più numerose le offerte di conti correnti. L’operazione di Cambiare conto corrente richiede, innanzitutto un’analisi delle nostre esigenze: dobbiamo solo gestire i risparmi e le utenze domestiche, o ci occupiamo d’investimenti cui dobbiamo dedicare una gestione specifica? Mettiamo su carta tutto quanto pensiamo di dover avere a disposizione, quindi passiamo all’analisi anche dei conti offerti dalle Banche.

Cosa dobbiamo trasferire?
Quando dai siti internet abbiamo estrapolato le informazioni di base, “cambiare conto corrente” richiede un confronto diretto con un consulente della Banca. Questo passaggio è assolutamente consigliato se, avendone uno acceso, dobbiamo estinguere o spostare un finanziamento, se abbiamo la necessità di spostare le domiciliazioni e gli accrediti sul nuovo conto, se vogliamo trasferire anche azioni, titoli di Stato e Obbligazioni.

Domiciliazioni bancarie
Ricordiamoci che per cambiare il conto corrente con correttezza e completezza, è fondamentale gestire bene il trasferimento di tutte le nostre domiciliazioni.
Ci riferiamo, innanzitutto, al pagamento delle utenze che il nuovo conto dovrà avere collegato da subito (richiediamo il trasferimento automatico).
E’ consigliabile comunicare i nuovi riferimenti del conto appena trasferito a tutti i soggetti che devono anche accreditarci lo stipendio o la pensione.

Ti può interessare anche:  Calcolo Codice Iban: come individuarlo

Gestisci gli assegni rimasti e le carte di credito
Per cambiare il conto corrente, inoltre, dobbiamo ben gestire pagamenti e riconsegna degli assegni.
Se abbiamo assegni da versare è bene farlo subito, mentre è altrettanto doveroso riconsegnare il blocchetto con i titoli di pagamento rimasti alla banca.
Inoltre, la riconsegna interessa anche tutte le carte di pagamento in nostro possesso. Recandoci in banca, insieme alla richiesta di chiusura del conto riconsegniamo anche carta bancomat e carte di credito che verranno distrutte.

Se vuoi informazioni sulle diverse tipologie di conto esistenti leggi la guida al confronto conti.
Se vuoi capire  come chiudere il vecchio conto, leggi la guida per estinguere il conto corrente.
Per aprire un nuovo conto online scopri quali web Banche li offrono.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *