obbligazioni bancarie

Obbligazioni Bancarie: valutazioni, suggerimenti

Obbligazioni BancarieObbligazioni Bancarie: conoscerle per Sceglierle

Le obbligazioni bancarie sono titoli emessi dagli istituti bancari (probabilmente anche il vostro) ed offerti ai clienti. Possiamo acquistarle come forma d’investimento, ma bisogna conoscerne bene le caratteristiche.

Cosa sono le Obbligazioni

Le obbligazioni bancarie sono strumenti d’investimento che emessi dagli Istituti bancari che permettono di ottenere un rendimento in base ai tassi d’interesse.  Investire in tali obbligazioni significa, in sostanza,  scegliere uno strumento finanziario che, alla scadenza, ci riconosce il rimborso del suo valore nominale oltre ad un rendimento legato agli interessi maturati o all’andamento dell’inflazione (le due modalità sono decise al momento della loro sottoscrizione). Questa tipologia di obbligazioni è valutata sul mercato Euro TLX.

Investire in Obbligazioni: da sapere che…

prima di scegliere la tipologia di obbligazione su cui investire bisogna sapere individuare un titolo rischioso da uno profittevole senza che nasconda spiacevoli sorprese. Davvero utile, a questo scopo, è un’analisi attenta dei tassi di interesse collegati all’obbligazione. Ci si potrebbe trovare davanti ad un’offerta civetta se i tassi di interesse offerti fossero molto elevati rispetto alla “concorrenza”. Ossia, offerte volte a vendere, ma prodotti dalla qualità dubbia dietro cui potrebbero esserci società che, magari, hanno troppe esigenze di fare cassa in maniera troppo facile.

A chi sono adatte

Le obbligazioni bancarie sono strumenti finanziari che si adattano maggiormente a logiche d’investimento a medio e lungo termine. Chiunque può destinarvi somme di denaro per un periodo medio – lungo (minimio 24 mesi, come da regolamento), può scegliere di sottoscriverle in base anche alle previsioni positive legate all’analisi del mercato del momento.

Ti può interessare anche:  Numero patente di guida: dove si trova il numero?

Il Rendimento delle Obbligazioni

Il rendimento legato ai tassi d’interesse è oggi simile a quello dei Titoli di Stato. Si tratterebbe, questa, di un’anomalia evidenziata da molti analisti poiché, dati i rischi maggiori dei Titoli di Stato, le obbligazioni emesse dagli Istituti dovrebbero rendere di più. La ragione di questa “anomalia” è rappresentata dal rapporto quasi “intimo” e di fiducia esistente tra Banche e clienti che spingono le prime a praticare tali strumenti con rendimenti similmente bassi.

>Rimborso Anticipato

Consigliamo, poi, di prestare particolarmente attenzione alle obbligazioni bancarie a rimborso anticipato, ossia a rimborso anche antecedente la soglia minima dei 24 mesi di durata. Si parla di soli 18 mesi, ma la differenza risiede negli interessi. Quando queste prevedono la clausola del rimborso anche a 18 mesi gli Istituti possono prevedere dei rendimenti più bassi rispetto al normale, quindi è sempre bene tenere sotto controllo la voce “interessi”.

Per informarti sugli strumenti obbligazionari  leggi anche la guida alle obbligazioni.
Per informarti e riflettere sugli investimenti leggi la guida per investire i risparmi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *