conto corrente dedicato

Remunerazione del Conto Corrente

Remunerazione del Conto CorrenteOggi giorno i termini conto corrente e remunerazione non vanno molto corrente. Ma non è ancora tutto perduto per chi vuole associare un minimo di guadagno al deposito dei propri risparmi in una banca. Bisogna, però, scegliere il prodotto giusto.

Remunerazione: i tassi creditori
La remunerazione del conto corrente passerebbe dai cosiddetti interessi creditori, ossia gli interessi annui che una banca riconoscerebbe, a fine anno, al titolare del conto corrente. A seconda dell’aliquota, avverrebbe un calcolo in base alla somma detenuta.

Il problema, purtroppo, è che negli ultimi anni questi tassi creditori sono ridotti al lumicino; anzi, sono sostanzialmente prossimi allo zero. Maggiormente, questo, se ragioniamo su conti correnti online per cui non vi è effettivamente alcuna remunerazione.

Il Deposito.
Il prodotto giusto, quello che oggi permette ancora di ottenere una remunerazione è il conto di deposito. Si tratta di un prodotto nato per il deposito di denaro per periodi medio-lunghi che obbligava il correntista a non ritirare il proprio denaro per ottenere la remunerazione collegata a tassi di interesse ancora piuttosto interessante. Ma vediamo qualche esempio di conto da valutare.

Banca IBL
Il conto di deposito con buona remunerazione proposto da banca IBL si chiama ContoSuIbl il cui tasso varia dal 2,84 al 3,12% a seconda del tempo di deposito del proprio denaro.

Banca Sistema
Un piccolo Istituto che si difende con un conto deposito con remunerazione davvero interessante. Il suo prodotto si chiama SIConto che propone un tasso di interesse al 3,12 anche per un periodo molto breve (3 mesi).


Ti può interessare anche:  Contestazione Estratto Conto: come farla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *