benchmark

Il Benchmark

benchmark

Che cos’è il Benchmark

Avete incontrato il termine Benchmark ma non sapete cosa significa? Allora eccovi una definizione e una descrizione del benchmark che può aiutarvi a capire meglio di cosa si tratta.

 

Cos’è

Il benchmark è parametro di riferimento che in ambito economico e, in particolare, degli investimenti ha la funzione di permettere un confronto tra le performance del proprio portafoglio e l’andamento del mercato.
Il benchmark ha l’importante obiettivo di mettere a disposizione dell’investitore un utile strumento per conoscere il rischio tipico del mercato dove si vuole investire, ma anche di offrire un supporto per la valutazione dei risultati ottenuti dalla gestione di determinati titoli.
Un elemento da tenere in considerazione è il fatto che il benchmark offre tanti parametri differenti quanti sono i mercati in cui è possibile investire: naturalmente la sua si basa sulla valutazione dei dati relativi ad ogni singolo mercato.
Funzione

Segnaliamo come la funzione principale del benchmark è quella di permettere la valutazione della gestione di un fondo: i gestori dei fondi sono, infatti, obbligati ad indicare il benchmark.
Inoltre deve poter essere prodotta una rendicontazione che esplica chiaramente l’andamento del fondo rispetto al benchmark: qui vige la trasparenza e l’importanza che la rendicontazione sia  mostrata periodicamente, o e almeno su base semestrale, al sottoscrittore.
In quest’ottica, quindi, il benchmark diventa il punto di riferimento per comprendere l’andamento di un mercato nel tempo, ma anche per comprendere il rischio ed il rendimento dei fondi.
Perché è utile

E’ compito del benchmark quello di  fornire informazioni sulla natura del fondo: questo viene messo alla sbarra poiché ne viene specificato il rischio e il rendimento così da aiutare l’investitore a chiarire la possibile linea di gestione.
Il benchmark, di fatto, viene confrontato con l’andamento dei fondi, ossia all’indice del mercato di riferimento. Un esempio è costituito dal confronto tra il rendimento dei fondi azionari americani con quello dell’indice S&P500.
Tipologie di investimento e indici

Ti può interessare anche:  Il Promotore Finanziario: chi è e cosa fa

Specifichiamo come, se si investe in fondi comuni non c’è un solo  benchmark, ma più indici poiché esistono parametri di riferimento per ogni  fondo e non uno standard per tutti.
in alternativa, se si decide di investire in azioni il parametro di riferimento è costituito da un indice di mercato benchmark.
Portando alcuni esempi, per quanto concerne i fondi azionari internazionali il benchmark di riferimento è costituito dall’Msci World Index,  mentre l’Msci Europe  è dedicato ai fondi azionari europei e l’Msci Far Fast ai fondi azionari Pacifico.
In particolare, per quanto riguarda i fondi azionari italiani il benchmark di riferimento sono alternativamente il Mib30, il Comit o l’Msci Italia.
Parlando i Fondi liquidità, infine, l’indice di riferimento  è rappresentato dal Jp Morgan Euro Cash Index 3 mesi mentre per gli obbligazionari internazionali il benchmark è rappresentato dal Jp Morgan Global Government


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *