ilcash-flow

Il Cash Flow

Il Cash FlowIl Cash Flow

Per comprendere meglio cos’è il Cash Flow è utile soffermarsi su quello che è il suo campo di applicazione e su quelle che sono le sue funzioni. Ecco un aiuto.

 

Per un definizione

Generalmente l’uso del concetto di Cash Flow è collegato alla gestione della liquidità delle aziende: esso va ad indicare proprio le variazioni in positivo e in negativo della liquidità con riferimento ad un determinato periodo di tempo.
Ciò che viene considerato per la valutazione delle variazioni è la somma del reddito netto, degli ammortamenti e delle riserve accantonate e il calcolo prevede la differenza tra costi e ricavi legati all’esercizio normale della società.
Quando il cash flow è positivo viene rilevata la disponibilità finanziaria per l’azienda nel periodo di riferimento, mentre se il cash flow è negativo è evidente che nella gestione sono state assorbite maggiori risorse di quanto non sono entrate.

Per cosa risulta utile

Il concetto del cash flow, e la sua definizione in base ai calcoli su descritti, ha una valenza fondamentale per la persecuzione dei seguenti obiettivi:
1 effettuare e ottimizzare la gestione della tesoreria per prevedere anche migliori impieghi della
liquidità presente e una migliore raccolta di informazioni sulle operazioni;
2 permettere una migliore destinazione dei flussi finanziari verso le banche secondo una logica della
migliore efficienza e economicità;
3 avere un  servizio di pianificazione e controllo verso le altre aree dell’azienda migliore;
4 avere migliori strumenti e informazioni da utilizzare durante i processi decisionali
5 mettere a disposizione dell’azienda un sistema di misurazione delle performance
finanziarie che evidenzi con efficacia tutti gli elementi da valutare.

Ti può interessare anche:  Smartphone in classe: la Ministra Fedeli dice di sì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *