sistema monetario

Il Sistema Monetario

Il Sistema MonetarioIl Sistema Monetario

Dopo l’entrata in vigore dell’euro il concetto di “sistema monetario” è entrato maggiormente nel lessico quotidiano. Ma vediamo com’è nato e come si è svolta la sua affermazione.

 

Prima dell’entrata in vigore dell’Euro, il concetto di sistema monetario veniva offuscato dal valore delle singole valute nazionali che ogni Stato emetteva. Quindi è stato solo con la diffusione della moneta unica in gran parte dell’Europa che si è iniziato a parlare maggiormente di sistema monetario legato ad una diffusione di un’unica moneta in più Stati.

Brevi cenni storici

Il sistema monetario rappresenta la forma più evoluta di un sistema organizzativo che lega le sue origini alla primitiva usanza del baratto,quindi alle prime rudimentali valute nazionali coniate inizialmente solo nelle società civilmente più evolute.
L’introduzione delle prime monete interesso, quindi, sistemi sociali che già avevano raggiunto un certo livello di complessità ed evoluzione interna: in questi casi vi era un potere centrale (la Corona o uno Stato) che gestiva l’erogazione della valuta.

Il sistema valutario basato sull’oro

L’affermazione del concetto do sistema monetario si basa sulla scelta del valore dell’oro quale punto di riferimento per calcolare l’erogazione della moneta circolante: questo, però, diventa il parametro unico solo a partire dell’800.
Ne derivò che il valore della moneta dovesse essere totalmente convertito in oro: un Governo poteva emettere moneta in proporzione all’equivalente del quantitativo di oro detenuto, e ciò rimase una convenzione rispettata da tutti i Paesi fino ai primi anni del’900.
In sostanza, il sistema economico era basato su  un rapporto di cambio fisso detto “sistema aureo” (gold standard).
Avendo un unico punto di riferimento (la quantità d’oro) il sistema di cambio era fisso e uguale per tutti e, fino a quando la Prima Guerra Mondiale non mutò gli equilibri anche economici del mondo, anche abbastanza efficace.
Sintetizziamo specificando come a causa dell’enorme spesa bellica i Paesi impegnati nella guerra dovettero produrre più moneta  di quanto oro non possedessero e gli effetti che ne derivarono si concretizzarono nella gravissima crisi che si ebbe nel decennio successivo e che si manifestò con una grande crescita dell’inflazione.

Ti può interessare anche:  Certificato di deposito: utile da conoscere

Politica Monetaria Comune

Dopo lo sconquasso economico lasciato dalla prima guerra e dalla successiva crisi economica, il momento di rilancio del sistema monetario lo si ebbe nel 1944 grazie agli accordi di  Bretton Woods da cui tutti i Paesi partecipanti uscirono convinti della necessità di ripartire con un fondo monetario internazionale: si definì la prima politica monetaria comune.
Inoltre  il sistema aureo venne rivisto e corretto con un nuovo  prezzo dell’oro fissato ai 35 dollari per oncia. Fu il dollaro la moneta ad essere legata in riferimento all’oro così, nel mercato dei cambi, fu questa la valuta a divenire la base diretta per ogni operazione. Il vantaggio che ne derivò, fu quello di avere un sistema monetario a cambi fissi tra tutte le monete degli Stati firmatari.

I Cambi Flessibili

Passarono poco meno di trent’anni dagli accordi di Bretton Woods che anche il sistema monetario detto “Gold Standard” esaurì la sua efficacia rendendo necessario un nuovo sistema.
Il presidente americano Nixon, nel 1971, svincolò il dollaro dall’oro nel 1971 e diede vita al processo di riorganizzazione del sistema monetario.
Nacque, così, il moderno sistema  a “cambi flessibili” in cui non v’è più alcun vincolo tra quantità di oro e moneta circolante oggi legata al concetto di “corso legale della moneta”.
Oggi giocano un ruolo fondamentale le Banche Centrali che svolgono la funzione “economica” dello Stato: l’emissione di moneta è ora vincolato alla “capacità di fiducia” e alla forza economica che un Paese riesce ad esprimere.
Nel nuovo sistema monetario il tasso di cambio esprime quanto il mercato “apprezza” una determinata valuta così da indicare abbastanza fedelmente le capacità finanziarie del suo Paese.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *