multe striscie blu

Multa strisce blu: quando è illegittima

A seguito delle recenti modifiche normative e degli interventi della Corte di Cassazione, ci sembra utile fare un escursus di quando possa essere non valida e quindi contestata una multa. Strisce blu, parchimetro e grattino infatti, presentano ancora dei vuoti normativi.

Multa strisce blu: che succede se il ticket è scaduto

E’ uno degli incubi più frequenti tra gli automobilisti. Il tiket, pagato in anticipo scade, e per un qualsiasi contrattempo non è possibile rimediare subito. Per caso passa un poliziotto municipale ed eleva l’ennessima multa. Siamo sicuri che sia legittima?

Il codice della strada stabilisce solo che il tiket deve essere esposto in maniera visibile, ma nulla viene detto, sulla necessità che una volta scaduto debba essere rinnovato.

Il vuoto normativo è stato posto all’attenzione del Ministero delle infrastutture da parte dei Giudici di Pace, spesso chiamati a risolvere controversie relative alla contestazione di questo tipo di multe.

Secondo il Ministero, in questi casi, in base a quanto sancito dalla legge, si può configurare solo un inadempimento contrattuale, a condizione che si tratti di parcheggio su aree in cui è consentita la sosta a tempo indeterminato.

Il concetto è stato nuovamente ribadito nella nota ministeriale n. 53284 del 12 maggio 2015, in cui è stato conferito compito ai Comuni di dettare le regole da applicare in tali ipotesi, in quanto considerati gli enti più idonei a comprendere le esigenze di fruibilità delle aree di sosta dei cittadini.

La presa di posizione del Ministero, volta ad escludere la legittimità delle multe elevate in caso di ticket scaduto, in assenza di ordinanza comunale che disciplinasse la materia è stata smentita recentemente dalla Cassazione.

Con sentenza n. 16258/2016 la Corte di Cassazione, ha stabilito che la multa per ticket scaduto sulle strisce blu, è legittima, sottolineando che la fattispecie è da considerarsi un illecito amministrativo, rientrante tra quelli di cui all’art. 7 comma 15 del Codice della Strada, e non di mero inadempimento contrattuale.

Ti può interessare anche:  Fatturazione elettronica: cosa cambia e a chi rivolgersi

Obbligo del POS

La Legge di Stabilità 2016, ha imposto l’obbligo a tutti i Comuni a partire dal 1° luglio 2016, di predisporre un POS presso i parchimetri che permetta ai cittadini di pagare il parcheggio con carta di debito o credito.

Sono tanti i Comuni che si sono adeguati, ma molti parchimetri non sono ancora provvisti di POS.

Che fase se non si riesce ad acquistare un ticket e il parcheggio non ha POS? La questione è molto recente pertanto non esistono pronunce giurisprudenziali a riguardo. Allo stato attuale se il Comune riuscisse a dimostrare una “oggettiva impossibilità tecnica” nel predisporre il POS l’eventuale assenza di pagamento da parte del cittano è sanzionabile.

Nel complesso la situazione è ancora molto delicata ed incerta per potersi sentire legittimati a non pagare il parcheggio, senza incorrere in sanzioni.

Assenza di parcheggi gratuiti

Secondo quanto previsto dal codice della strada all’art. 7 comma 8, ogni Comune ha l’obbligo di predisporre delle aree di sosta gratuite. L’obbligo è da escludersi, nei casi di: aree pedonali, zone a traffico limitato e aree di particolare pregio storico.

Che succede quindi se ci si trova a dover parcheggiare in luoghi in cui sembra non esistano strisce bianche? Si può parcheggiare nelle strisce blu senza esporre il grattino?

Pare proprio sì. Ecco cosa dice la Cassazione a riguardo.

La norma sembrerebbe rendere illegittima la multa elevata contro chi non ha esposto il grattino, se nelle vicinanze non ci sono aree di parcheggio gratuite.

 

Ciò trova conferma nella più recente giurisprudenza della corte di Cassazione. In particolare con sentenza n. 4130 del 2016, ha espressamente stabilito che l’obbligo di predisporre aree di sosta gratuite, non sussiste solo nei casi indicati dalla legge (traffico limitato, zone di particolare rilevanza urbanistica) e specificatamente delineati dalla giunta comunale.

Possiamo concludere dicendo che la multa strisce blu può essere contestata, ma solo in precise e delineate ipotesi.

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *