previdenza complementare

Previdenza complementare: tutte le soluzioni

Previdenza complementarePrevidenza complementare: tutte le soluzioni

La previdenza complementare costituisce, oggi, la più importante risorsa per chi ha la necessità di implementare la propria futura pensione. Ne vediamo le forme principali e le importanti caratteristiche.

La Previdenza Complementare

Banche Italia vuole accompagnarvi verso un’attenta valutazione delle forme di previdenza complementare più importanti: ne analizziamo le caratteristiche al fine di offrire le indicazioni utili a chi deve scegliere la propria forma di previdenza da rendere complementare alla pensione. Tratteremo le forme integrative autorizzate dalla COVIP, quindi regolari e controllate, che vi permettono di crearvi Fondi Pensione sicuri.

Previdenza collettiva o individuale

La prima fondamentale distinzione deve essere compiuta tra le forme di previdenza complementare collettive e individuali.
1.    Pensioni collettive: nascono in seguito ad accordi collettivi messi a punto dai dipendenti di aziende, ma anche da enti regionali. Possono avere la forma di Fondi Aperti che ricevono adesioni collettive, o di Fondi privati messi a punto da Casse Professionali. Questi sono adatti soprattutto a lavoratori dipendenti (settori pubblico e privato) o che rientrano nelle categorie contenute nel decreto 276/03 (legge Biagi) come, ad esempio, i lavoratori con contratto di somministrazione, i soci di cooperative, lavoratori autonomi, liberi professionisti.
2.    Pensioni individuali: parliamo dei fondi definiti aperti a cui ogni individuo può autonomamente aderire mediante i contratti di assicurazione sulla vita. Ogni individuo può scegliere se destinarvi il proprio TFR, come specificato dal Dlgs 252/05. Questa tipologia, è quindi adatta a singoli individui: chiunque può sottoscriverne una, anche chi non svolge attività lavorativa.

Le Tipologie

Fondi Pensione Chiusi
Cosi sono semplicemente definiti i fondi pensione negoziali, ossia forme di previdenza complementare legate alla stipula di contratti o accordi collettivi: essi si rivolgono a categorie professionali, tipologie di lavoratori nelle imprese, gruppi di imprese anche territorialmente identificate. Rappresentanti dei lavoratori hanno il diritto di informarsi sulla gestione di ogni fondo.

Ti può interessare anche:  Gestione del Rischio degli Investimenti

Fondi Pensione Aperti
Entriamo nel settore della previdenza complementare gestita d Banche, Istituti di Credito e finanziarie, Assicurazioni: si tratta di fondi da essi gestiti con patrimoni dedicato esclusivamente alle prestazioni previdenziali. E’ possibile aderirvi in forma individuale e autonoma, ma anche in forma collettiva. In questo caso, rappresentanti dei lavoratori possono controllare la corretta gestione del fondo.

Contratti di Assicurazione
Si tratta di forme assicurative a cui le Compagnie hanno aggiunto anche strumenti previdenziali.
Ogni soggetto individualmente, può sottoscriverne il contratto e le regole di riferimento sono ogni volta specificate nella polizza assicurativa sulla vita. E’ importante sapere che la COVIP, la quale vigila sulla regolarità delle forme di previdenza complementare, garantisce qualità e diritti per i


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *