Finanziamenti Commercio

imprese fin

Finanziamenti commercioFinanziamenti commercio

Il settore del commercio spesso gode di finanziamenti che aiutano aziende soprattutto in determinate zone del Paese. Vediamo meglio i finanziamenti al commercio.

 

Finanziamenti Agevolati

I finanziamenti al commercio sono legati ad un testo di legge divenuto ormai molto conosciuto: si tratta della norma 488/92.
Obiettivo di questa legge è stato, sin dall’inizio, quello di favorire la riqualificazione e la modernizzazione del commercio in  aree del territorio nazionale bisognose di aiuto perché svantaggiate. Naturalmente il perseguimento di tale obiettivo avviene tramite la concessione di finanziamenti agevolati e contributi in conto capitale.
Gli aiuti previsti dalla Legge sono erogati sotto forma di contributo a fondo perduto e di finanziamento e calcolati in percentuale sull’investimento progettato dall’attività commerciale. L’ammontare degli aiuti varia in base alla dimensione dell’impresa, ma anche a quanto stabilito in riferimento alle differenze per aree territoriali di intervento

A chi sono rivolti

Ma, naturalmente, sorge spontanea la domanda su quali tipologie di attività possono beneficiare dei finanziamenti al commercio.
L’elenco è stato deciso dal ministro delle attività produttive e reso noto tramite decreto secondo cui possono usufruire degli aiuti le imprese e i servizi commerciali che operano nei seguenti settori:
vendita al dettaglio (esercizi di vicinato); vendita al dettaglio con organizzazione in una medio-grande struttura; esercizi commerciali di vendita all’ingrosso; esercizi commerciali strutturati come centri di distribuzione;  attività che svolgono vendita per corrispondenza o commercio elettronico;  attività di “servizi complementari” alla distribuzione; attività di somministrazione di alimenti e bevande.

Zone geografiche

Altro criterio utile nella distribuzione dei finanziamenti al commercio è quello della zona geografica di provenienza dell’attività commerciale che deve essere ubicata in aree definite “sottoutilizzate” del territorio nazionale

Voci di spesa.

Infine, diviene necessario anche far rientrare i propri progetti di investimento in determinate categorie per poter ottenere i finanziamenti al commercio.
Ciò significa che, per ottenere gli aiuti, bisogna prevedere di intervenire a favore di:
1 – potenziamento delle strutture esistenti al fine di accrescere l’attività produttiva
2 – ammodernamento delle strutture e miglioramento dei servizi erogati
3 – riconversione della propria attività a favore di nuovi settori merceologici
4 – Riattivazione dell’ attività di insediamenti produttivi inattivi per lo svolgimento di attività uguali o analoghe a quella svolta precedentemente.
5 – trasferimento dell’ubicazione dell’unità produttiva per decisione dell’amministrazione centrale o locale, per il riassetto produttivo e urbanistico,  per fini di  risanamento e di valorizzazione ambientale.

Risorse

Per chi volesse approfondire l’argomento e avere notizie sempre aggiornate consigliamo di tenere spesso sotto controllo il sito della camera di commercio della propria zona di residenza insieme ai portali web della propria Regione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *