detrazione

Detrazione Mutuo

Detrazione MutuoDetrazione mutuo: come ottenerla

Per chi ha appena acceso un mutuo è utile sapere che esiste la possibilità della detrazione mutuo. Scopriamo insieme quando e possibile effettuarla e come gestire la detrazione mutuo.

Chi decide di accendere un mutuo può godere di alcuni benefici fiscali, ovvero può detrarre dal proprio reddito – in sede di dichiarazione dei redditi – i seguenti oneri sostenuti:
– i costi della perizia;
– le spese di istruttoria;
– l’imposta sul mutuo;
– i costi dell’atto notarile;
– le quote di interessi.
I costi sono ammessi in detrazione esclusivamente nell’anno in cui vengono sostenuti.

Come ottenere la detrazione mutuo

Per usufruire di tali vantaggi fiscali il mutuo, oltre ad essere garantito da ipoteca, deve essere stato sottoscritto per:
– Acquisto dell’abitazione principale e delle relative pertinenze come box e cantine (non dà invece diritto alle detrazioni il mutuo contratto per l’acquisto di sole pertinenze).
– Acquisto di unità locata, quando l’intento è quello di adibirla ad abitazione principale appena sarà disponibile.
– Costruzione dell’abitazione principale.
– Ristrutturazione profonda dell’abitazione principale comprovata da concessione edilizia o atto equivalente rivolta a trasformare l’unità, in tutto o in parte, in un immobile diverso dal precedente.
– Sostituzione di altro mutuo detraibile, purché di importo non superiore al debito residuo maggiorato delle spese necessarie alla sostituzione (in questo caso vengono mantenute le agevolazioni del mutuo originario, anche se superiori a quelle previste per i nuovi mutui).
Gli imponibili massimi consentiti per la detrazione sono:
– mutui per acquisto: 3.615,20 Euro all’anno
– mutui per costruzione e ristrutturazione: 2.582,28 Euro all’anno.
Sull’imponibile viene riconosciuto un rimborso del 19% con il meccanismo della detrazione di imposta.

Ti può interessare anche:  Mutui-on-line

Come si ottiene il rimborso?
Le spese di accensione del mutuo si determinano dai documenti bancari e dalle fatture del perito e del notaio.
Gli interessi passivi vengono attestati dalla banca che ha concesso il mutuo con scadenza annuale e la banca invia spontaneamente tale documentazione (solitamente entro il mese di maggio).
I lavoratori dipendenti, ai fini della compilazione della dichiarazione del reddito, potranno consegnare la suddetta documentazione ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF). Il rimborso perviene entro qualche mese direttamente nella busta paga.
I lavoratori autonomi indicheranno la quota detraibile nel Modello UNICO.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *