Prestiti agevolati

Prestiti agevolatiI prestiti agevolati: condizioni vantaggiose per alcune categorie di persone

Cosa sono i prestiti agevolati? Si tratta di un prestito offerto a condizioni particolari e più vantaggiose, ma a cui solo determinate categorie di persone possono accedere. Tutte le informazioni sui prestiti agevolati e su chi ha la possibilità di richiederli.
I prestiti agevolati sono una particolare categoria di prestiti destinata ad alcune tipologie di clienti che, essendo svantaggiate dal punto di vista economico, hanno la possibilità di ottenere prestiti a condizioni meno impegative.
Alcuni esempi di prestiti agevolati sono quelli dedicati agli studenti e finalizzati all’acquisto dei libri, previsto dalla legge 390/1991, o anche quello dedicato al pagamento dei Master Univesitari e dedicato ai lavoratori Atipici.

Le agevolazioni
Dove, tali coseddette agevolazioni, vanno a portare i loro benefici per i clienti?
Sostanzialmente sui tassi di interesse praticati dalle banche, sensibilmente più bassi e favorevoli, e sulle garanzie meno severe e rstrittive che danno la possibilità a particolari categorie di lavoratori, come gli atipici, di ottenere un somma di denaro per le spese di studio, ad esempio.
Ma altro particolare piuttosto rilevante  è che, a volte, è resa possibile anche la sospensione del pagamento delle rate e la restituzione del denaro o, addirittura, l’eliminazione totale del tasso di interesse praticato dall’istituto bancario: ovviamente solo dietro motivazioni e situazioni economiche di particolare difficoltà e serietà.

Chi offre i prestiti agevolati?
Essendo destinati a favorire solo particolari categorie di clienti, non tutti possono accedere ai prestiti agevolati. Questo sono offerti da tutti i principali istituti di credito, dalle principali banche, per cui è molto utile visitare i loro siti internet per conoscere quali categorie di clienti possono accedervi, quali sono i requisiti necessari ad ottenerne la concessione e le garanzie che è necessario comunque offrire.


Leave a Reply