assicurazione morte

Assicurazione Morte: una tutela per la Famiglia

Assicurazione MorteSebbene nessuno voglia pensare all’eventualità, soprattutto per chi svolge lavori pericolosi si tratta di una polizza importante. Soprattutto perchè permette di assicurare una tutela davvero utile per la propria famiglia.

Assicurazione Morte: una tutela per la Famiglia

L’assicurazione vita temporanea caso morte, è quel tipo di assicurazione che al verificarsi del decesso dell’assicurato (a meno che ciò non sia avvenuto secondo una delle cause di esclusione della polizza), paga il capitale assicurato ai beneficiari indicati nella stessa polizza, o in assenza di tale indicazione agli eredi legittimi (ma il capitale assicurato non rientra nell’asse ereditario).  L’indicazione dei beneficiari potrà essere cambiata comunque in ciascun momento.

Si tratta di una polizza ‘temporanea’ e non ‘vita intera’ per cui la polizza prevede una scadenza (normalmente la durata massima è di 10 anni ma possono essere stabilite durate più lunghe), e se entro tale data non si dovesse verificare l’evento assicurato (il decesso) la compagnia di assicurazione tratterrà i premi e non dovrà alcun versamento all’assicurato stesso.

 

 

Considerarne i vantaggi


Data la natura della copertura assicurativa, le polizze caso morte sono molto utili per il capo famiglia che rappresenta il principale percettore del reddito, a maggior ragione se c’è anche un mutuo in corso.
Costituiscono comunque una forma di tutela dei familiari, che potrebbero venirsi a trovare in gravi difficoltà economiche, considerato che anche nel caso in cui la famiglia si trovasse in condizioni economiche buone, prima che vengano risolte le fasi burocratiche può trascorrere molto tempo per poter accedere alle riserve dei risparmi o degli investimenti (anche i conti correnti cointestati diventano inaccessibili per tutelate gli eredi), mentre le spese da sostenere (comprese eventualmente quelle di successione) vanno sostenute immediatamente.
Per questa ragione sono molto interessanti quelle polizze caso morte che prevedono anche la garanzia del pagamento di una somma prestabilita immediata, a titolo di acconto, per permettere il sostegno delle varie spese, in attesa che la situazione finanziaria si sblocchi.

Ti può interessare anche:  La Polizza per il Capofamiglia

 

 

Tre tipologie per coperture differenti


Le assicurazioni caso morte possono essere di tre tipi: a premio annuo costante, a premio annuo crescente (con rivalutazione in base all’indice Istat) e a premio decrescente (utile soprattutto se vengono collegate ad un mutuo).

Per quanto riguarda l’entità del premio, questo dipende dal capitale che si vuole assicurare, dal sesso e dall’età dell’assicurato, dalle abitudini di vita (fumatore o non), da quelle alimentari (obesità) e dalla presenza di eventuali patologie, oltre che dallo svolgimento di attività che siano più o meno a rischio.
Fino a determinati importi assicurati le compagnie di assicurazione non richiedono una visita medica, ma si tutelano ugualmente introducendo un periodo in cui la polizza non sarà operativa, detto periodo di carenza.
La durata media della carenza è di 6 mesi, ma per alcune patologie particolari come l’Aids, o per decesso dovuto a suicidio sale fino a 2 anni.
Nel caso in cui si proceda invece alla visita medica di controllo (che diventa obbligatoria sopra a certe somme da assicurare), l’assicurazione normalmente elimina il periodo di carenza, per cui la polizza diventa immediatamente operativa (pur rimanendo il periodo di carenza per alcuni casi limite).
E’ consigliato sottoporsi sempre alla visita medica di controllo, indipendentemente dalla somma da assicurare, in modo di accertarsi di ottenere l’esatto tipo di copertura di cui si ha bisogno, ed evitare brutte sorprese in futuro.

Può succedere che il contraente e l’assicurato non siano la stessa persona, ma in questo caso è necessaria l’accettazione esplicita dell’assicurato stesso.

 

 

Possibilità di Detrazione


Le assicurazioni caso morte possono essere detratte ai fini fiscali (l’aliquota è del 19% anche se stipulate dopo il 2001), ed alcune prevedono il raddoppio del capitale assicurato in caso di decesso dovuto ad incidente.
Per queste tuttavia bisogna assicurarsi se è previsto il pagamento di un sovrapprezzo, e le eventuali cause di esclusione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *