spese carte credito

Spese Carta di Credito: nuove voci di costo

 

spese carte creditoAnalizziamo ancora la voce “spesa carta di credito” poiché sempre di grande interesse per chi deve valutare la richiesta di una carta in associazione al proprio conto corrente. Inoltre, cogliamo l’occasione per indicare alcune voci di costo prima generalmente non presenti.

Spese e Costi: le “voci” abituali
Chi richiede una carta di credito deve aspettarsi delle voci di spesa classiche costituite dal canone annuo, variabile a seconda che si tratti di carta principale e carta secondaria, dal costo di spedizione a domicilio e dai costi di invio degli estratti conto periodici.

Aggiungiamo poi spese direttamente collegate all’uso della carta di credito per le spese e il prelevamento di contante. Dipendentemente dall’offerta della singola banca, possono essere previsti costi di prelievo presso gli sportelli ATM: ulteriori variazioni possono interessare anche il prelievo eseguito in Italia o all’estero con costi differenti. Ma anche se il prelievo viene eseguito da sportelli della propria Banca o da sportelli di gruppi differenti può incidere sulle commissioni

Poi vi sono anche spese in caso di in caso di pagamenti quotidiani.
Ad esempio, pagamento di tasse autostradali, acquisto di carburante, ricariche telefoniche. Sebbene molte Banche oggi le offrono gratuite, possono comunque costituire delle spese carta di credito da sommare ad altre, come il canone annuo.

Se la carta viene smarrita o rubata?
Altre spese di carta di credito purtroppo sono anche previste in caso di smarrimento della carta. Noi possiamo richiederne una copia,ma questo generalmente prevede un costo di “rigenerazione” della carta di credito. Alcune banche possono richiedere dai 5,00 alle 10,00 auto per una nuova carta.

Ti può interessare anche:  Sicurezza uso carta di credito

In caso di furto, poi, potrebbe essere necessario rinnovare anche il pin. Per prassi, infatti, è la Banca che lo elabora e ce lo consegna, per cui mutarlo prevede sempre una richiesta per un rinnovo: La banca potrebbe farci pagare qualche euro anche questo aggiornamento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *