assicurazione casa

Assicurazione casa: quand’è obbligatoria

Assicurazione casaL’assicurazione sulla casa non è ancora obbligatoria per legge, ma lo può essere per disposizione di enti o istituti, che la pongono come ‘conditio sine qua non’ prima di effettuare una prestazione, od in caso di statuto condominiale.
A seguito dei drammatici eventi naturali che hanno flagellato intere città italiane, il Governo aveva proposto l’obbligatorietà della stipula di polizze casa per tutti i proprietari di unità abitative residenziali, con particolare attenzione per quelli residenti in zone caratterizzate da una maggiore probabilità del verificarsi di tali eventi (alluvioni, terremoti, slavine, ecc…), ma si è rimasti sulla mera proposta, per cui di fatto non è stata apportata alcuna modifica al testo di legge.

In caso di Mutuo
Allo stato attuale la polizza casa viene resa obbligatoria dalle banche, prima o contestualmente all’erogazione del mutuo.
Su questo tipo di polizze bisogna fare qualche considerazione, per chiarire degli aspetti poco chiari.
Per prima cosa, questo tipo di assicurazioni viene calibrato sulle effettive esigenze della banca, che impone la loro sottoscrizione per tutelare la garanzia ottenuta a fronte di una cifra importante, che normalmente caratterizza un mutuo.
Ciò implica che nella maggior parte dei casi, le caratteristiche, i massimali e l’importo che verrà risarcito in caso di sinistro e che sarà versato direttamente dalla compagnia di assicurazione alla banca, sono stabiliti da quest’ultima.
Per cui non è assolutamente vero che in caso di eccedenza dell’importo del premio questo andrà a vantaggio del mutuatario.

 

Studiare Bene la Polizza
Bisogna fare estrema attenzione a quanto è riportato nel contratto per evitare amare sorprese.
Un altro aspetto da considerare, soprattutto se si vive vicino ad altre abitazioni, è che l’assicurazione risarcirà la banca, ma non le persone danneggiate dal proprio immobile, perché non è prevista anche la componente di responsabilità civile.

Estinzione del Mutuo
Infine, grazie alla decisione dell’Isvap, per i premi pagati anticipatamente alle assicurazioni sulla casa, ma per i quali i mutuatari non hanno usufruito della copertura a seguito dell’estinzione anticipata del mutuo (indipendentemente dalle modalità e cause di estinzione, quindi anche in caso di vendita dell’immobile, fatta eccezione per l’accollo del mutuo), andranno restituite le somme corrispondenti.
Questo costituisce un aspetto molto importante, che dovrebbe incentivare la scelta di polizze incendio e scoppio a pagamento anticipato in un’unica soluzione (che sono meno onerose rispetto a quelle con pagamenti ricorrenti).
Ma che dovrebbe spingere anche verso l’obbligatorietà, dettata dal proprio buon senso, di stipulare polizze casa che prevedano come beneficiario il mutuatario, dotate anche della responsabilità civile per garantire una copertura assoluta.

Ti può interessare anche:  Assicurazione Immobile: caratteristiche

 

Protezione per i Condomini
L’altra tipologia di assicurazioni sulla casa che possono essere considerate obbligatorie, sono quelle previste dagli statuti dei condomini.
Questi indicano anche le caratteristiche che le polizze devono avere, gli eventuali massimali assicurati, e normalmente prevedono l’assicurazione dello stabile, con la responsabilità civile per le parti comuni, ed il pagamento del premio in funzione dei millesimi di cui si è proprietari.
L’obbligatorietà è legata all’accettazione dello statuto condominiale, che tuttavia può essere sempre cambiato, facendo venire meno l’aspetto obbligatorio.
Tuttavia se si è titolari di questo tipo di polizze, bisogna ugualmente valutare con attenzione il tipo di tutela di cui si gode, prendendo in seria considerazione l’ipotesi di stipularne una facoltativa in aggiunta a quella condominiale, o se lo statuto lo prevede, stipularne una con i requisiti minimi previsti dallo statuto, ma arricchita delle ulteriori garanzie considerate irrinunciabili.

Nel caso in cui venga stipulata una polizza facoltativa in aggiunta a quella obbligatoria, bisogna sempre ricordarsi di comunicare a ciascuna assicurazione l’esistenza dell’altra, specificandone le varie caratteristiche, in modo tale da non avere problemi in sede di liquidazione del sinistro

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *