conto-in-rosso

Conto in Rosso? Costi alti da Pagare!

Conto in RossoL’insolvenza è una situazione che tutti vorrebbero evitare: il conto in rosso, infatti, è spiacevole nel momento in cui la Banca ci avvisa che non possiamo più coprire ulteriori nostre spese. Ma bisogna sapere anche che rischiamo di pagare commissioni decisamente salate.

Conto in Rosso? Costi alti da Pagare! Incappare nell’insolvenza

Tecnicamente, quando abbiamola sfortuna di avere il conto in rosso, le banche ci contestano l’insolvenza con cui si fa riferimento alla nostra incapacità di coprire i pagamenti, rimborsare eventuali assegni consegnati, rispettare i Rid bancari.
Si tratta di una situazione spiacevole, abbastanza diffusa, si cui è bene soffermarsi per capire quali sono le conseguenze, in termini di spesa, per ogni cliente di banca.
Infatti, ci sono commissioni e spese varie che vanno a sommarsi alla necessità di rimpinguare i fondi del proprio conto in rosso.

Gli Interessi Passivi

E’ importante, per ogni correntista, sapere che grazie al Fido la Banca copre parte delle prime spese eseguite in una situazione di conto in rosso. Ciò significa che il nostro Istituto paga per noi le prime bollette ed eventuali assegni nell’attesa che interveniamo a rimpinguare i nostri fondi.
Ma l’altro aspetto che bisogna conoscere è che la stessa banca, per farci questo favore, ci pagare degli interessi passivi sul denaro prestato e che le dobbiamo restituire.
Le Banche concedono dei prestiti fino a certi limiti per permetterci di affrontare il momento di insolvenza in maniera indolore, ma quel che poi ci chiedono a fronte di tale favore sono dei tassi d’interesse elevati: essi variano da un minino dell’11 ad un massino del 17%.

Ti può interessare anche:  Costi del Conto Corrente

Commissione di Massimo Scoperto

Quella di cui abbiamo parlato è, appunto, la commissione che le banche praticano per la copertura del Massimo Scoperto. Una recente novità, entrata in vigore dal 2009, l’ha eliminata nel caso in cui il cliente riesca a versare nuovi fondi e a ripagare il prestito entro 30 giorni dall’entrata nella situazione di insolvenza.

Poca trasparenza su “altri costi”

Inoltre, aggiungiamo come molte banche pare abbiano aggiunto agli interessi passivi ulteriori voci di costo. Si tratta di una rilevazione fatta da AltroConsumo che ha evidenziato proprio una scarsa trasparenza a riguardo oltre ad una scorretta crescita delle spese per i clienti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *