btp sicuri

Quali sono i Btp più Sicuri

Btp più SicuriLa valutazione di un investimento sicuro in Btp implica la considerazione delle caratteristiche economiche e finanziarie di un Paese. Vi sono Stati per cui è più favorevole orientarsi verso l’acquisto di Buoni Ordinari del Tesoro perché le loro finanze sono decisamente migliori di altri. Vediamo quali sono i Btp più Sicuri con un grande attenzione alla situazione Europea.

 

 

I Btp dei Paesi del Nord
L’attuale situazione economica mondiale, ma in particolare quella Europea, rende aolutamete consigliabile valutare bene come orientare un proprio investimento in Buoni del Tesoro. Molti Stati, compresa l’Italia, non sta vivendo una situazione finanziaria interan tranquilla, il che rende maggiormente rischioso (Anche se più remunerativo) sceglierne i Titoli. Diviene, quindi, consigliabile proteggere i propri risparmi orientadosi verso Btp sicuri di Paesi maggiormente virtuosi dal punto  di vista Economico e Finanziario. In sostanza, è fondamentale individuare quegli Stati con minor debito pubblico, finanze vicino al pareggio (individuare una positività non è semplice) e un buon punteggio da parte delle Agenzie di Rating. Dove Trovarli? Nel Nord Europa.

 

Danimarca e Finlandia
Per chi avesse pensato alla Germania, diciamo subito che a garantire ancora maggior sicurezza per possibili investimenti in Btp sono la Danimarca e la Finlandia.
Gli Stati, infatti presentano situazioni economico-finanziarie ancora migliori che permettono di prospettare investienti sicuri: i risparmi di ogni investitore non potrebbero trovare Btp più protetti da speculazioni o crolli improvvisi dovuto a default interni.

 

Perché questa scelta?
I due Paesi sono realtà che esprmono, in termini economico-finanziari, elevata qualità.
Si tratta di due economia vicine e collegate a quella tedesca da cui traggono benefici in termini di esportazioni e scambi commerciali proficui. Inoltre, il loro debito pubblico è in assoluto il più basso d’Europa e, quale ciliegina sulla torta, la loro tripla A continua ad essere saldamente difesa da tutte le agenzie di ratind del mondo. Si tratta di una scelta assolutamente obbligata per chi non vuole correre troppi rischi.
Unico neo negativo riguarda la Danimarca che, non avendo aderita all’unione monetaria, obbliga ad un investimento che implicherà inevitabilmente qualche costi di cambio tra le due monete.

Ti può interessare anche:  Rete fissa tariffe telefoniche mensili: abolite le offerte a 28 giorni

 

Elevata Sicurezza e Basso Guadagno
L’aspetto principale di tanta stabilità interna ai Paesi consiste in investimenti sicuri in Btp.
L’altro lato dlla medaglia, però, risiede inevitabilmente in tassi d’interesse non elevati (1-2%)  che non offrono elevati “guadagni” se non per chi investe somme abbastanza elevate.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *