Come Vivere di Rendita e Smettere di Lavorare a 50 Anni

Smettere di lavorare a 50 anni e vivere di rendita. Chi non vorrebbe farlo? Stiamo parlando del sogno di qualsiasi persone. Il problema però, non è se farlo, ma come farlo. Se è vero difatti che tutti vogliono farlo, è altrettanto vero che in pochi ci riescono, perché magari troppo pigri per riuscirci. A meno di non essere talmente fortunati vincere qualche lotteria, per arrivare all’obiettivo occorre un capitale iniziale e tanta tanta costanza e dedizione.

Mindset: il giusto atteggiamento mentale

Chiariamo subito un aspetto fondamentale: nulla cade dal cielo. Come detto, a meno di non aver delle fortune che hanno davvero in pochi, come ad esempio vincere qualche lotteria o ricevere l’eredità di qualche lontano parente, per riuscire a vivere di rendita si deve prima riuscire a liberarsi di alcuni schemi mentali a cui siamo stati abituati fin da piccoli.

Rimanere nella famosa zona di comfort, il guscio dove ci si sente al sicuro, non porterà di certo ad un cambiamento. Per avere qualcosa di diverso, si deve fare qualcosa di diverso, quindi tenere il giusto mindset.

Il risparmio e il capitale

Dopo una breve introduzione sull’attegiamento mentale da mantenere, ora passiamo ad aspetti più concreti. Abbiamo detto che tra i requisiti fondamentali per arrivare a vivere di rendita, c’è quello di avere un capitale iniziale. A meno di non avere quindi ricevuto una già citata eredità, si deve imparare la pratica del risparmio.

D’altronde il discorso è semplice: se non si è capaci di gestire uno stipendio, come si potrà pensare di essere in grado di gestire un capitale? Con questo presupposto, il primo passo è imparare a risparmiare, per costituire un capitale di base con cui partire. Dopo qualche anno, imparare a risparmiare anche qualche decina di euro ogni mese, porterà ad avere un piccolo capitale.

Un secondo aspetto da tenere ben presente, è che si dovrà fare in modo di aumentare il risparmio su citato. Come? Aumentando il guadagno. Come aumentare il guadagno? Aumentando le competenze e migliorando di conseguenza la propria posizione lavorativa. In sintesi, per qualche anno si dovrà dare il massimo di se stessi. I sacrifici verranno ripagati.

Gestione e autocontrollo: due aspetti davvero fondamentali da considerare. Imparare ad autogestirsi, è importantissimo per non sperperare e rovinare tutto nel momento in cui si riuscisse a vivere di rendita.

Ti può interessare anche:  Mini ASpI indennità di disoccupazione: durata e importo

Vivere di rendita: qualche consiglio pratico

La rendita è un’entrata che si riceve a cadenze più o meno costanti, proveniente da un investimento precedentemente fatto. Uno degli esempi più classici che rappresenta il concetto, è quello degli affitti provenienti da locali, stabili o terreni di proprietà. Acquistare un immobile con l’obiettivo di affittarlo, e percepire una rendita costante dall’affitto, può essere un buon modo per arrivare all’obiettivo.

Si deve tenere però presente che acquistare una sola abitazione, è molto rischioso, perché nel caso l’inquilino diventasse moroso, annullerebbe il beneficio della rendita. Se a questo fattore si aggiunge l’aver lasciato il lavoro da dipendente, è facile intuire come la situazione potrebbe diventare disastrosa. Da questo si evince che si dovrebbe riuscire a comprare più di un’unità immobiliare. Se anche un inquilino smettesse di pagare, gli altri affitti percepiti ammortizzerebbero la perdita. Se poi si volesse diventare degli investitori professionisti del campo immobiliare, a quel punto diventerebbe un’attività imprenditoriale vera e propria, e in quel caso occorre tantissima formazione sul settore.

Formazione: la parolina magica. Come riuscire a fare qualcosa che non si sa come fare? Studiando e formandosi. Uno dei settori dove è possibile arrivare a generare delle rendite molto interessanti, è quello del trading online. Questo particolare settore, offre uno specifico vantaggio: quello di poter partire anche con capitali modesti, anche se in alcuni casi questo può essere controproducente. Paradossalmente, se si ha paura di perdere 100.000 euro, si presterà un certo tipo di attenzione, ma se il rischio è di perdere 100 euro, il livello di attenzione sarà sicuramente inferiore. Ma la sostanza non cambia: una perdita rimane sempre una perdita. Prima di avvicinarsi quindi all’interessante mondo del trading online, che potrebbe dare modo di vivere di rendita a 50 anni, si dovrà sempre prepararsi adeguatamente.

Vivere di rendita a 50 anni è possibile, ma con tre requisiti: capitale, costanza e dedizione (e un po’ di fortuna, che non guasta mai).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *