fare investimenti

Fare investimenti: gli strumenti migliori, oggi

Fare investimenti: gli strumenti migliori di oggiFare investimenti: gli strumenti migliori di oggi

Avere semplicemente i propri soldi in giacenza nel conto corrente, oggi, non paga quasi più. Fare investimenti mirati è l’unica soluzione per guadagnare, Ecco le soluzioni, anche semplici, per far fruttare i risparmi.

Investire: mutare atteggiamento
Noi Italiani siamo un popolo di risparmiatori, questo è risaputo, capaci di accumulare anche risorse molto interessanti semplicemente lasciandole “dormienti” nel nostro conto corrente. La logica del fare investimenti è quella che tutti, a seconda delle proprie possibilità ed esigenze, dovremmo minimamente seguire per non lasciare i nostri risparmi a disposizione delle Banche con il rischio di non incassare neppure un minimo di interessi a favore. Infatti, i “moderni conti correnti” (vedi i conti a zero spese, quelli online, ecc..) oggi non ci riconoscono affatto interessi azzerando, praticamente, anche l’ultima fonte di guadagno sui risparmi. Cosa fare? Ecco le alternative.

Le alternative per investimenti a medio-corto periodo
Ci sono interessanti soluzioni per fare investimenti e accrescere il proprio capitale senza prevedere lunghi periodi d’impiego dei soldi e mantenendone anche la disponibilità per i nostri impiaghi quotidiani. Vediamoli insieme.
• ETF di liquidità: sono fondi comuni vendibili/acquistabili in borsa come le azioni. Scegliendo questa tipologia è un po’ come se decidessimo di investire giornalmente una determinata somma che, alla sera, torna a nostra disposizione. La somma viene “messa” in un conto di deposito remunerato.
• Conti di Deposito: sono da valutare perché offrono interessi maggiori rispetto ai conti normali. In genere non prevedono canoni fissi ed esistono due varianti: vincolata (soldi congelati per un determinato periodo) e libera (possibilità di ritirare e versare la somma a piacimento).
• Buoni Postali: se sottoscritto per periodi superiori a 6 mesi possono garantire buoni guadagni. Sono semplici da acquistare (direttamente alla Posta senza il vincolo di un conto corrente) e sono garantiti dallo Stato.
• BOT: possiamo acquistarli solo avendo un deposito Titoli, sono titoli di Stato sottoscrivibili per periodi variabili di 3,6 e 12 mesi. Sono interessanti per fare investimenti anche con una cifra minima di 1000 euro.
• Fondi di liquidità: sono fondi comuni di investimento che presenta un portafoglio costituito da Titoli di Stato. Possono essere acquistati in Banca senza il vincolo del conto corrente e prevedono, a volte, spese di accesso anche molto basse (500 euro).

Ti può interessare anche:  Fondi pensione: cosa sono e come funzionano

Consigli per la scelta
Per fare investimenti oculati è utile seguire pochi importanti consigli:
• Attenzione ai tassi d’interesse per chi sceglie conti di deposito. Se sono promozionali, magari hanno validità per periodi iniziali o vincolati a determinate somme (spesso consistenti).
• Capire il rendimento: certo o incerto? Per un conto di deposito possiamo sapere prima di quanto sarà. Per un ETF si tratta di una scommessa nel breve periodo. Per un fondo di liquidità medesimo discorso.
• Sempre attenzione alle spese: ci sono spese fisse, a volte (bolli fiscali), che pesano tanto più quanto è minore il nostro investimento.

Fonte: Milano Finanza

Vuoi avere una visione più ampi anche su altri mezzi di investimento? Leggi anche la guida per Come investire i Risparmi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *