quotazione oro

Prezzo dell’oro: ecco come varierà la sua quotazione durante il 2017

In questi ultimi mesi in tanti analisi si stanno chiedendo quali sono le previsioni relative al prezzo dell’oro e fin dove arriverà la quotazione durante il prossimo anno. Secondo le previsioni della Toronto-Dominion Bank la quotazione dell’oro darà vita ad una vera e propria impennata il prossimo anno ed il prezzo del metallo prezioso arriverà a toccare quota 1.350 dollari l’oncia.

Secondo l’istituto finanziario sono diversi gli elementi che andranno ad influire sul calcolo del prezzo dell’oro per il 2017 e tra questi non si può non annoverare il possibile rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana. Stessa cose oltre che per l’oro vale anche per la quotazione dell’argento, anche lui in costante crescita da vari mesi consecutivi.

Attualmente il prezzo dell’oro viaggia in rialzo dello 0,17% a quota 1.252,66 dollari per oncia. Analizziamo quali sono le previsioni per il prezzo dell’oro secondo la banca e vediamo come la quotazione potrà essere influenzata in particolar modo dalle imporanti scelte di dicembre della banca centrale americana.

Come varierà il prezzo dell’oro nel 2017

È stata la Toronto-Dominion Bank ad interrogarsi circa le previsioni per il prezzo dell’oro per il 2017. Secondo la banca non abbiamo ancora assistito all’ultimo rally della quotazione e le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro parlano di un aumento fino a quota 1.350 dollari l’oncia.

Bart Melek, un analista della banca, ha affermato che le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro sono piuttosto chiare. La quotazione in un primo momen to scenderà sotto i 1.200 dollari l’oncia – dopo l’ipotetico rialzo dei tassi Fed di dicembre – e poi risalirà fino a quota 1.350 dollari l’oncia. Un rialzo dei tassi di interesse a dicembre causerà un immediato rafforzamento del dollaro frenando così la domanda e il prezzo dell’oro, sempre secondo le previsioni di Melek – e data la correlazione che li lega. La domanda tuttavia si riaccenderà nel momento in cui i tassi di interesse reali rimarranno bassi dando nuova linfa alla competitività dell’oro.

Ti può interessare anche:  Dimissioni per giusta causa e Naspi 2018: chi si licenzia ha diritto alla disoccupazione? Guida alle Dimissioni per Giusta Causa

L’andamento delle quotazioni dell’oro

L’oro ha guadagnato il 25% nel primo semestre dell’anno, sia grazie al mancato rialzo dei tassi da parte della Fed, sia grazie all’incertezza causata dalla Brexit. Le previsioni 2017 per il prezzo dell’oro parlano chiaro: la quotazione ed il prezzo dell’oro subirà un crollo al di sotto dei 1.200 dollari ma in seguito recupererà fino a quota 1.350 dollari l’oncia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *