srl semplificata

SRL Semplificata: cosa è, come si apre. Le novità nella guida fiscale 2018

Il codice civile italiano nel libro quinto del lavoro, al titolo quinto delle società, regola le società a responsabilità limitata. Con il termine SRL si identifica una società creata tra due o più persone, con una divisione di quote tra i soci che la compongono e con una responsabilità in proporzione al capitale versato. Ciò vuol dire che in caso di problematiche di tipo societario, come inadempimenti economici, i soci rispondono in solido solo per il relativo capitale versato. Se per esempio quindi vi sono due soci che hanno rispettivamente il sessanta per cento delle quote e il quaranta percento delle rimanenti, per un capitale sociale di diecimila euro, i componenti della società saranno responsabili rispettivamente per seimila euro e quattromila euro. Nel 2011 con il decreto anti crisi del governo, si è attuata una modificazione del sistema delle SRL introducendone una nuova forma: la SRL semplificata definita anche SRLs

SRL semplificata: che cosa è

La SRL semplificata nasce quindi dall’idea di poter creare una società a responsabilità limitata, con delle agevolazioni dal punto di vista della costituzione, del capitale sociale e del numero dei soci. Una SRL semplificata viene comunque aperta innanzi al notaio, ma i costi di apertura sono pari a zero, dato che è prevista un esenzione delle spese notarili. Rispetto quindi a una ordinaria che prevede un costo che va dai millecinquecento euro ai quattromila euro, è nettamente conveniente. Inoltre i tempi di costituzione sono brevissimi, dato che in ventiquattro ore si attiva la società che sarà poi registrata nelle successive quarantotto presso la Camera di Commercio del comune della sede legale dell’azienda.

Altro vantaggio delle SRL semplificate è il capitale sociale. La pubblicità collegata alla loro costituzione per certi aspetti è stata un pò forviante, nel senso che si è spesso detto che può essere versato un capitale sociale anche pari ad un euro. La realtà è che la SRL semplificata prevede un capitale che va da un minimo di un euro a un massimo di diecimila euro. Il capitale viene stabilito al momento della costituzione e ne prevede il versamento completo dello stesso. Nel caso di una normale SRL invece il capitale minimo doveva essere diecimila euro, con il versamento dell’intera somma.

Infine mentre le SRL prevedevano la necessaria presenza di almeno due persone che creassero la compagine sociale, le SRLs invece possono essere costituite anche con la presenza di un solo socio, rendendo la creazione delle stesse ancora più semplice. Unico limite era all’inizio l’età dei soggetti che doveva essere di massimo trentacinque anni, con l’impossibilità di devolvere quote a soggetti con età superiore. Con la nuova normativa prevista nel 2013 è stata tolto il limite dell’età permettendo a chiunque di accedere alla nuova tipologia di società.

Ti può interessare anche:  Numero Verde INPS: Orari e Contatti Telefonici per chiamare l’INPS

Come si apre un SRL semplificata

Per aprire un SRLs, sarà necessario rispettare lo statuto previsto dalla legge e recarsi da un notaio. La spesa di registrazione notarile è pari a zero, dato che la tipologia di società ha ricevuto tali sgravi fiscali. Le regole sono simili a quelle della SRL ordinaria. Quindi sarà necessario presentarsi dall’ufficiale pubblico con lo statuto, il nome della società, documento di riconoscimento dei soci e codice fiscale. Inoltre anche se il capitale sociale può essere un valore che va da un euro a diecimila, sarà necessario versare la somma prevista direttamente davanti al notaio. Una volta stipulato l’atto, sarà il notaio stesso come nella costituzione di quelle ordinarie a presentare l’apertura in Camera di Commercio. Sarà quindi successivamente necessario l’apertura del codice fiscale della società che corrisponde al codice IVA e le relative registrazioni presso l’agenzia dell’entrate che comunque prevedono un costo di circa seicento euro.
Nel giro di quarantotto ore una società SRLs è attiva.

Novità nella guida fiscale 2018 per le Società SRL Semplificate

Le SRL semplificate sono molto simili a quelle ordinarie dal punto di vista fiscale. Infatti il concetto che il loro costo di gestione è ridotto rispetto alle normali società a responsabilità limitata non è corretto. Unica agevolazione fiscale concerne infatti il bonus iniziale per ciò che concerne l’apertura della società con una riduzione dell’atto pubblico pari a zero. Non vi sono agevolazioni per la successiva registrazione o sgravi fiscali in ambito di tassazione. Al sistema delle SRLs, infatti non si attribuisce neanche un grande vantaggio per ciò che riguarda l’ambito dei finanziamenti, dato che alcune banche sono restie a concederli a società con un capitale sociale ristretto. Anche le agevolazioni previste per lo sviluppo dell’impresa, come nel caso delle SNC o delle S.A.S non sono previste.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *