Finanziamenti Giovani Imprenditori

Finanziamenti Giovani ImprenditoriFinanziamenti Giovani Imprenditori: le Risorse più interessanti

Nonostante i tempi di magra, per piccole e medie imprese e aziende in partenza vi sono sempre soluzioni e offerta di aiuto. Facciamo insieme una panoramica delle possibilità più interessanti sicuri di offrire un aiuto concreto alle nuove realtà per cui possono costituire un aiuto importanti i finanziamenti per giovani imprenditori

Finanziamenti dal Ministero Attività Produttive e Fondo di Garanzia

Sebbene non costituisca una risorsa direttamente indirizzata a finanziare le nuove realtà imprenditoriali, è doveroso segnalare comunque il Fondo di Garanzia che, invece, facilità la richiesta e l’ottenimento dei finanziamenti anche per Giovani imprenditori presso Banche e finanziarie. Infatti, parliamo proprio di un “fondo” che garantisce, ossia che porta “lo Stato” a fungere da Garante a favore delle realtà nascenti e delle Piccole e medie Imprese. Un sito che fornisce tutte le informazoni è proprio il portale ufficiale Fondidigaranzia.it. Possono usufruirne le nuove o le PMI esistenti con meno di 250 dipendenti.

Nuova Legge Sabatini: finanziamenti per i “beni strumentali”

Altra risorsa molto interessante è la nuova Legge Sabatini, collegata all’art. 2 del decreto-legge n. 69/2013 (Legge del Fare). Si tratta di uno stanziamento di oltre 2,5 miliardi di euro destinato a supportare i finanziamenti per Giovani imprenditori e aziende già esistenti bisognose di rinnovare o acquistare i cosiddetti “beni strumentali” allo svolgimento delle loro attività produttive. Lo stanziamento sarà dilazionato nel biennio 2014-2016. Tutte le informazioni sono specificate nel sito ufficiale del Ministero

 

Legge 95 per Finanziamenti Giovani Imprenditori

Normativa
La legge 95/95 prevede che l’agevolazione avvenga attraverso contributi a fondo perduto o tassi agevolati di finanziamento o prestito. Essa riconosce un’agevolazione fino al 90% (nel Sud) del totale degli investimenti: la percentuale cambia in basa al territorio (Centro-Nord 60-80%).
Tra i servizi gratuiti vi sono: un servizio di accompagnamento alla progettazione che aiuta i giovani a definire il proprio business plan e servizi di formazione e di assistenza tecnica attraverso l’attività di tutoraggio successiva all’approvazione del progetto.

Requisiti
I giovani, per poter usufruire delle agevolazioni, devono costituire una società (società in nome collettivo, società semplice, società in accomandita semplice, società in accomandita per azioni, società per azioni, società a responsabilità limitata, società cooperative) che abbia i seguenti requisiti:
– maggioranza assoluta (finanziaria o numerica) di giovani fra i 18 e i 29 anni;
– totalità di giovani tra i 18 e i 35 anni (non devono aver compiuto il 36° anno) residenti nei territori di applicazione della legge;
– la sede legale, amministrativa e operativa della nuova impresa deve situarsi nei territori di applicazione della legge.
La legge 95/95 non include le società di fatto o con un unico socio e le ditte individuali.

Attività finanziabili
E’ rilevante ricordare ai potenziali giovani imprenditori che i progetti di impresa devono riguardare settori di attività inerenti a:
– produzione di beni in agricoltura, artigianato e industria;
– fornitura di servizi alle imprese
Sono esclusi i servizi alle persone e alle amministrazioni pubbliche e le attività di commercio e turismo.
La richiesta avviene mediante compilazione di un modulo indirizzato a Sviluppo Italia. Alla domanda vanno allegati in duplice copia il progetto di impresa e copia dell’atto costitutivo, certificato di vigenza, certificato comprovante che la sede della società è ubicata nei territori d’applicazione della legge, certificazione o dichiarazione comprovante che la compagine sociale è costituita in maggioranza da soci dai 18 ai 29 o dalla totalità di giovani tra 18 e 35 anni.
Dopo circa 6 mesi gli esperti di Sviluppo Italia S.p.A. comunicheranno agli aspiranti imprenditori l’esito dell’istruttoria.

 


Leave a Reply