rimborso mutui

Rimborso Mutui: la Guida fondamentale

Rimborso MutuiConcentriamoci sulla comprensione del rimborso mutui, ossia sul piano di rateizzazione con cui rimborseremo il prestito fattoci dalla Banca. Questa è la guida indispensabile per comprendere come avviene il rimborso e quali sono le sue regole.

Rimborso del mutuo: cliente VS Banca

Tutto ruota intorno al cosiddetto piano di rimborso mutui, ossia la rateizzazione di quote di capitale che noi clienti dobbiamo restituire alla Banca. Si tratta di una componente essenziale sui dobbiamo incentrare la nostra scelta iniziale di accendere o meno il mutuo presso una determinata Banca.
Il piano di rimborso dei mutui descrive con minuziosità (o almeno dovrebbe) le precise modalità con cui noi verseremo all’Istituto quanto lui ha prestato a noi, ma con in più una serie di surplus che riguardano il suo guadagno. Il rimborso è rateizzato, quindi è presente un certo numero di rate che spalmeranno su un periodo relativamente lungo (anni) la restituzione del capitale.§

Piano di rimborso: tante rate da versare

Un piano di rimborso mutui si basa sulla suddivisione in un numero tot di rate il capitale che dobbiamo restituire: il numero delle rate sarà calcolato in base a al’entità del prestito da restituire oltre che al numero di anni in cui abbiamo deciso di spalmare il rimborso stesso.
Un piano di rimborso mutui è deciso prima della firma del contratto e specifica:
– il numero delle rate
– l’importo fisso da restituire per ogni singola rata
(se il nostro mutuo è a tasso fisso)
– la scadenza rate
– i tassi d’interessi che saranno applicati
E’ fondamentale ricordare che le rate in cui è suddiviso un piano di rimborso mutui (chiamato anche piano di ammortamento) non ha una natura standard poiché varierà sempre in base ai tasso d’interesse applicati e alle condizioni di mercato

Ti può interessare anche:  Agevolazioni Mutui: gli aiuti più importanti

Mutuo a tasso fisso

Ma esaminiamo il piano di rimborso collegato ad un mutuo a tasso fisso.
In tal caso la definizione delle rate è fissa e il loro ammontare sarà stabile per tutta la durata del rimborso.

Mutuo a tasso variabile

Se, invece, abbiamo acceso un mutuo a tasso variabile, il piano di rimborso subirà degli adeguamenti, con una frequenza di circa 12 mesi, rispetto alle mutate condizioni economiche dettate dal mercato finanziario (variazione costo del denaro, tassi di interesse)

Le tipologie di Piani di Rimborso

E’ molto utile conoscere anche le tipologie di piani di rimborso mutui che sono generalmente applicate dalle banche. Vediamole velocemente.

1. Rimborso alla francese: quote crescenti per il capitale e decrescenti per gli interessi (inizialmente la rata è composta prevalentemente da interessi e, più si avvicina la scadenza, più aumenta la quota capitale rimborsata.

2. Rimborso all’Italiana: rate decrescenti il cui le quote di capitale sono costanti mentre le quote d’interessi sono decrescenti.

3. Ammortamento Americano (o ammortamento a due tassi): prevede un’operazione d’investimento e una di finanziamento. E’ il più complesso poiché la rata è divisa in due parti dove a una quota che rimborsa il costo degli interessi del prestito, è accostata una seconda quota a cui è associato un tasso differente, di solito inferiore.

4. Ammortamento Tedesco: prevede rate costanti e pagamento d’interessi anticipato.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *