Profili di Rischio: Come mutano

Occupiamo dei cosiddetti profili di rischio, ossia di quell’insieme di fattori di rischio che interessano un assicurato in merito ad un’RC auto o ad una polizza vita. Il rischio varia in base all’uso che si fa del veicolo o in base alla propria attività professionale, ad esempio. I profili di rischio possono anche variare nel tempo o in base agli eventi, quindi cerchiamo di capire cosa influisce e come.

 

Cosa sono i Profili di Rischio nelle Assicurazioni

Ogni polizza assicurativa, sia essa per l’auto, la casa o sulla vita, è basata sulla copertura a favore di determinati rischi. Per l’auto l’RCA copre l’assicurato da danni materiali eventualmente causati ad altri veicoli o a persone, mentre una polizza vita copre da infortuni, malattie e dal rischio di morte (in questo caso ne beneficiano i famigliari). Sebbene una polizza sia stipulata in base al profilo di rischio che l’assicurato ha al momento della sottoscrizione, nel tempo i rischi possono mutare e con esso il profilo del cliente nonché le caratteristiche della polizza stessa.

Assicurazione Auto

Il profilo di Rischio in merito ad una RC auto è sostanzialmente definito intorno ad età del conducente, al numero di conducenti, all’uso che si fa del veicolo (lavoro, trasporti particolari, uso famigliare o individuale?) ma possono anche essere inclusi fattori come il furto, l’incendio del veicolo e “coperture assicurative” più particolari come sarebbe quella sui cristalli. Maggiori sono i rischi inclusi, maggiore è anche il costo da pagare che si traduce in un premio più oneroso. Nel corso del tempo il cliente può aggiungere o sottrarre coperture e “rischi” dalla copertura così da modificare le variabili e lo stesso profilo di rischio.

Ti può interessare anche:  Assicurazioni False e truffe

Assicurazione Vita

Un assicurato con polizza vita deve presentare alla Compagnia il proprio quadro clinico che definisce lo stato di salute ed eventuali fattori di rischio. Ma poiché si parla di polizze dalla durata anche piuttosto lunga (20, 30 anni) è facile intuire come lo stato di salute, quindi il profilo di rischio, dell’assicurato possa mutare. Possono insorgere malattie croniche e problemi fisi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *