Richiedere Attestato di Rischio: modalità e tempi

Un documento importante come l’attestato di rischio deve essere sempre tenuto sotto la dovuta attenzione. A volte può esserci un ritardo nella consegna o addirittura il mancato recapito. In tali casi bisogna sapere come richiedere l’attestato di rischio.

 

L’attestato di rischio è un documento che ogni Compagnia assicurativa deve trasmettere ai propri assicurati 30 giorni prima della scadenza della RC Auto, insieme alla lettera che ricorda proprio l’imminente scadenza. Ne abbiamo parlato in una guida dedicata dove abbiamo spiegato la sua funzione di racchiudere informazioni relative alla “carriera” di automobilista dell’assicurato e alla classe di merito di appartenenza.

 

Diviene, però indispensabile richiedere l’attestato di rischio in due casi abbastanza comuni. Un semplice mancato recapito insieme alla lettera (o mancato recapito anche di questa), oppure in caso di situazione fallimentare della Compagnia Assicurative.

 

Mancato recapito: richiedere attestato di rischio.

 

Se sono trascorsi i 30 giorni anteriori la scadenza del contratto di polizza o se abbiamo già provveduto a sottoscrivere una polizza RCA nuova, possiamo richiedere l’attestato alla nostra Agenzia. Naturalmente, anche se i dati personali i tecnici (auto, classe merito) fossero errati dovremmo contattare l’assicuratore per richiederne la correzione. Possiamo sottoporre la nostra richiesta di persona oppure, in caso di pregresso errato comportamento della Compagnia, segnalare il problema sul sito dell’IVASS.


Compagnia o Agenzia in liquidazione: richiedere attestato di rischio

Sono anche questi casi possibili. La nostra agenzia può chiudere o la stessa Compagnia andare in liquidazione totale. Anche in queste circostanze è possibile richiedere l’attestato di rischio o alla Compagnia stessa, qualora a chiudere fosse la singola agenzia, oppure al commissario liquidatore che è sempre preposto per Legge.

Ti può interessare anche:  Decreto Bersani Assicurazioni: quello che devi sapere

Può comunque avvenire di continuare a non ricevere l’attestato; l’assicurato ha la possibilità di redigere e presentare (in caso di controlli) la forma scritta della richiesta dell’attestato, ma anche un’auto dichiarazione in grado di specificare:

  • Dati personali

  • Classe di merito raggiunta


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *