risarcimento assicurativo

Risarcimento Assicurativo: la procedura per ottenerlo

risarcimento assicurativoQuando si è coinvolti in un incidente da cui usciamo, con la ragione dalla nostra parte ma con danni alla nostra persona o al nostro veicolo, è nostro diritto chiedere e ottenere un risarcimento assicurativo. Vogliamo aiutarti a capire come chiedere ed ottenere il risarcimento e informarti su aspetti utili da conoscere.

 

Comunicare il Sinistro

Il primo passo da compiere verso il risarcimento assicurativo per un sinistro stradale è quello di informare le Compagnie che coprono i veicoli coinvolti o l’unico eventuale veicolo. Sconsigliamo di affidarci solo ad una telefonata perché per questioni serie dove occorrono “prove” concrete vale la regola del “Carta Canta”! Vogliamo dire che è ottima cosa aver compilato il modulo di Constatazione amichevole con la firma di entrambi i conducenti mentre, in caso di sinistro con feriti, sarà fondamentale presentare tutti verbali rilasciati dalle forze dell’ordine presenti.

Occorre, quindi, informare la Compagnia per mezzo di una Raccomandata con ricevuta di ritorno o, se la propria agenzia possiede una casella di Posta certificata, con una mail di posta certificata.

 

Assecondiamo il Perito

Se le prove che abbiamo presentato soddisfano le Compagnie dei veicoli coinvolti il risarcimento assicurativo sarà abbastanza rapido. Ma se qualche aspetto non è chiaro potrà essere messo in campo un Perito Assicurativo con il compito di analizzare i danni e ricostruire le dinamiche del sinistro. Dovremo mostrare il veicolo e, in caso di danni fisici, presentare anche tutti i referti medici eventualmente ottenuti in seguito a visite mediche, accertamenti, ecc..

 

Calcolo del Risarcimento

Quando si tratta di risarcire danni materiali la Compagnia si affida al proprio perito con cui valuterà anche fatture o preventivi redatti da Meccanici e Officine varie. La somma spesa dall’assicurato viene valutata ed eventualmente risarcita.

Ti può interessare anche:  Richiedere Attestato di Rischio: modalità e tempi

Ma se vi sono danni fisici, la questione è più delicata e gli aspetti da valutare disparati per la definizione del risarcimento assicurativo.Innanzitutto bisogna sapere che ogni compagnia prevede somme diverse da riconoscere a giorni di degenza ospedaliera, mentre per infortuni e invalidità momentanea o permanente essa farà riferimento ad una tabella sempre presente nel contratto di polizza e redatta (generalmente) in riferimento a dati messi a disposizione da Inail e Ania.

In caso i morte del conducente del veicolo o del pedone investito da un veicolo a motore, la liquidazione del risarcimento calcolato avviene sempre a favore degli eredi

 

Il Pagamento delle somme

Il pagamento del risarcimento assicurativo, tecnicamente è definito liquidazione.
Il beneficiario della liquidazione deve firmare un atto d quietanza con cui si impegna ad accettare la somma offerta e a non avanzare più ulteriori richieste di risarcimento: così la pratica viene definitivamente chiusa. Materialmente la somma viene risarcita per mezzo di un assegno Bancario che viene consegnato al beneficiario il quale potrà tranquillamente incassarlo in Banca. In caso di somme abbastanza ingenti (decine di migliaia di Euro), la Compagnia può scegliere anche un versamento per mezzo di bonifico bancario.

I tempi non sono generalmente brevissimi e prevedono comunque l’attesa di almeno 3-6 mesi per lo svolgimento degli accertamenti e delle pratiche interne alla Compagnia liquidatrice.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *