abi2

ABI: Associazione Bancaria Italiana

ABI: Associazione Bancaria ItalianaPresentiamo l’Associazione Bancaria Italiana, conosciuta anche mediante la sigla ABI, che costituisce un’importante attrice dello scenario finanziario italiano: ecco quali sono le sue funzioni e i suoi rapporti con gli istituti nazionali e gli enti sovranazionali.

Dietro la sigla ABI si nasconde l’Associazione Bancaria Italiana che rappresenta un organo di importanza centrale del panorama economico e finanziario italiano. La ragione di tale rilevanza si lega principalmente al fatto che l’ABI rappresenta gli Istituti Bancari Italiani nei rapporti con le Istituzioni, l’utenza e altri enti pubblici e privati.

Bisogna, altresì, sottolineare che l’Associazione Bancaria Italiana gioca un ruolo centrale anche nella promozione e difesa degli interessi dei soggetti in essa consociati con una proiezione non solo verso la realtà politica e finanziaria interna all’Italia, ma anche verso una realtà internazionale e soprattutto Comunitaria.
Ma vediamo nello specifico quali sono i suoi obiettivi.

Obiettivi dell’ABI

Ogni attività portata avanti dall’Associazione Bancaria Italiana, o ABI che dir si voglia, non ha scopo di lucro. Ne deriva che ogni soggetto consociato vi ha aderito volontariamente consapevole esclusivamente della centralità della funzione che tale forma associativa ha nella promozione del sistema bancario italiano.
Ogni attività portata avanti dall’ABI ha il fine ultimo di promuovere all’interno della società i valori fatti propri dagli Istituti Bancari: libera imprenditorialità, promozione di un mercato libero e concorrenziale, tutela e promozione degli interessi dei soggetti consociati, ideazione e promozione di iniziative e progetti per la crescita del sistema bancario.
Fondamentale, inoltre, è soprattutto l’azione di rappresentanza che L’associazione Bancaria Italiana, L’ABI, svolge in ambito internazionale: gli interessi generali e particolari dei soggetti consociati vengono costantemente rapportati alle dinamiche economiche e finanziari europee mediante un lavoro di interazione con la Federazione Bancaria Europea, oltre che con tutti gli organi sovranazionali competenti.

Finalizzazione degli obiettivi.

Ma come riesce l’Associazione Bancaria Italiana, o ABI che dir si voglia, a perseguire i propri obiettivi? Detiene strumenti e poteri particolari?
La risposta a queste domande risiede nel particolare lavoro che viene costantemente portato avanti e che consiste nella capacità e possibilità di eseguire compiti differenti.
Attività di studio e ricerca.
Sintetizziamo così l’importante attività di analisi delle maggiori tematiche finanziari, economici e sociali rilevanti oltre che per lo sviluppo del sistema bancario anche per la stessa Società. Si tratta di un’attività a cui si accompagnano azioni divulgative che si concretizzano in seminari, conferenze, la pubblicazione di relazioni volti a far conoscere proprio le tematiche di maggior interesse generale.
Attività di sollecitazione dell’azione normativa nazionale ed europea.
Il riferimento interessa una specifica attività di “spinta” dell’azione legislativa per la definizione di leggi e norme che riguardino materie e temi di natura finanziaria e bancaria che necessitano di una copertura legislativa.
Attività di promozione e difesa delle politiche del lavoro.
Tramite questo compito si esplica la capacità dell’Associazione Bancaria Italiana ad intervenire in tema di rapporti politiche del lavoro con una particolare competenza per il tema della “stipula dei contratti collettivi” affiancata ad un ruolo di interazione con le organizzazioni sindacali dei lavoratori. A proposito è fondamentale evidenziare la funzione di rappresentanza sindacale che l’ABI assolve a favore dei soggetti associati che le abbiano attribuito il compito di “rappresentanza sindacale”.
Attività di assistenza e informazione a favore degli associati..
Ci riferiamo al compito che l’Abi ha di assistere gli istituti e tutti i soggetti associati informando e garantendo una consulenza circa temi e funzioni tecniche.
Attività di collaborazione con gli Enti Pubblici.
Sintetizziamo così il compito di cooperazione con amministrazioni ed enti al fine di affrontare ed eliminare problematiche di natura economica e finanziaria che interessano il Paese e che vedono coinvolti anche gli Istituti di Credito.

Ti può interessare anche:  L’arbitro bancario finanziario: rosolvere le controversie finanziarie

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *