moratoria mutui

Moratoria Mutui: novità sugli aiuti Statali

Aggiornamento sulla Moratoria MutuiAggiornamento sulla Moratoria Mutui

La Moratoria Mutui ha reso disponibili dei fondi che aiutano titolari di mutui, soprattutto, in difficoltà nel pagamento delle rate del finanziamento. Sono previste soluzioni che alleviano le spese. Aggiorniamo questa guida con le recent novità in merito alla moratoria che continua ad offrire utili risorse per chi potrà trovare in situazione di difficoltà.

Moratoria anche per il 2014 e il 2015

Molto importante segalare che sarà possibilie usufruire della moratoria sui mutui, ossia della sospensione delle rate, anche per questo e per il prossimo anno grazie ad un prolungamento delle disposizioni. Il merito è del Piano Casa introdotto dal Governo Letta il quale ha disposto un rifinanziamento del Fondo di solidarietà: 2o milioni di euro sono stati previsti per il 2014 e altri 20 milioni sono stati stanziati anche per il prossimo anno. Fa ben sperare anche la disponibilità con cui le Banche  hanno accolto le disposizioni del Governo

L’adesione al Fondo di solidarietà prevede sempre il rispetto di determinati requisiti per il titolare del conto correte:

  • Non essere in possesso di polizze assicurative che coprono in caso di perdita di lavoro
  • Aver perso il posto di lavoro
  • Aver subito il verificarsi di un grave handicap o di una malattia invaldante che abbia provocato la perdita del lavoro
  • Essere titolari di un mutuo per l’acquisto della prima casa

La Moratoria Statale precedente

Grazie alla recente Moratoria Mutui, lo Stato ha messo a disposizione dei fondi, per un ammontare di 20 milioni di euro, da impiegare a favore dei clienti di banca con problemi seri nel pagamento delle rate del mutuo. Come per altre agevolazioni sui mutui, le recenti disposizioni non cancellano le rate, bensì le sospendono per un periodo massimo di 18 mesi. Inoltre, alla ripresa dei pagamenti l’ammortamento rimane invariato rispetto all’originario se al cliente rimanevano ancora almeno 8 anni di rate da versare alla banca. Ma vediamo chi può beneficiare della moratoria.

Ti può interessare anche:  La polizza vita e il mutuo

A chi spettano i benefici

La recente Moratoria Mutui definita dallo Stato prevede dei parametri entro cui i clienti devono rientrare per usufruire dei benefici. Ecco specificati.

      • Mutuo non superiore a 250 mila euro aperto da almeno un anno.

 

      • Mutuo per l’acquisto della prima casa.

 

      • I clienti devono attestare un ISE non superiore a 30mila euro annui.

 

    • I clienti devono essere rimasti disoccupati per almeno tre mesi (sono esclusi i cassaintegrati), che hanno subito il decesso o l’invalidità permanente di un familiare che contribuiva con almeno il 30% delle entrate.

• I clienti che stanno affrontando spese di ristrutturazione per almeno 5 mila euro annui.
• Se i clienti che hanno rate a interesse variabile hanno subito un loro aumento di almeno il 20%.

Adesione e modalità
Per aderire alla recente Moratoria Mutui i clienti che rientrano nei su indicati requisiti hanno tempo fino al Gennaio 2011 per presentare domanda. Ogni cliente a diverse possibilità.
1. Richiedere la sospensione delle intere rate per 12 mesi. Gli interessi maturati saranno comunque richiesti con una posticipazione.
2. Richiedere la sospensione esclusivamente della quota capitale scegliendo continuare a versare gli interessi.
Nel caso in cui il cliente decida di bloccare la rata per intero, la banca può decidere se spalmare la somma equivalente al periodo per tutto il periodo rimanente e suddividendolo sulle rate. Ma è possibile anche che l’Istituto possa stabilire di riavere la somma alla fine del mutuo stesso.  Il nostro consiglio, per sapere con precisione come gli Istituti applicano le disposizioni sulla Moratoria Mutui, è di recarvi allo sportello della vostra Banca.

La Moratoria ABI
Altra utile indicazione che vi consigliamo di seguire è anche quella di visitare il sito dell’Abi e di prendere nota di come l’Associazione applica la Moratoria Mutui. In questo caso sono previsti tempi minori, 12 mesi anziché 18 della Statale, ma i requisiti per usufruire dei benefici sono meno selettivi. Inoltre, non essendo previsti “tempi burocratici”, l’Abi potrebbe favorire l’applicazione della moratoria con più rapidità.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *