estinzione anticipata prestito

Estinzione Anticipata Prestito: le novità

Estinzione Anticipata PrestitoPartendo da ciò che la legge prevede, analizziamo tutto ciò che riguarda l’estinzione anticipata del prestito che abbiamo richiesto. Tutti i consigli per non sbagliare e le dritte per far valere i propri diritti.

La Legge dalla Nostra Parte

L’Estinzione anticipata del Prestito, di qualunque forma esso sia, è prevista dalla legge e tale garanzia deve rassicurarci circa il fato che alcuna Banca o Finanziaria può negarcela.
Noi consigliamo sempre di verificare in anticipo, già al momento della stipula del contratto, che non siano incluse clausole che neghino tale possibilità: la ragione è strettamente collegata con eventuali problematiche e noie legali che potrebbero sorgere a nostro sfavore, sebbene la Legge sia dalla nostra parte. Evitiamo di accendere un prestito con Istituti poco chiari nei nostri confronti.

Estinguere un Prestito

L’estinzione anticipata del prestito avviene attraverso un iter standard e sostanzialmente unificato per tutte le banche e gli Istituti Finanziari. Possono essere previste delle formalità di sorta come ad esempio la compilazione di una modulistica specifica e l’inoltro di una domanda in forma scritta, ma in tutti i casi noi clienti dobbiamo poter esercitare il diritto senza problemi o intoppi di alcun genere.

Penali e Commissioni

Per i prestiti, mutui e finanziamenti accesi sono previste penali che vanno a “tassare” ogni richiesta di estinzione anticipata. Si tratta di soluzioni adottate da quasi tutte le banche e le finanziarie per cercare di scoraggiare tentativi di rimborso anticipato e la ragione è naturalmente collegata alla perdita degli interessi (calcolati su ogni singola rata) che esse subirebbero. A partire dagli inizi del 2007 (2 Febbraio) però, la situazione è parzialmente cambiata grazie all’approvazione del famoso Decreto Bersani che ha cambiato le carte in tavola eliminando le commissioni e permettendo l’estinzione anticipata di prestiti, mutui e finanziamenti accesi per comprare o ristrutturare una prima casa. Puoi approfondire l’argomento con il nostro articolo dedicato all’estinzione dei prestiti.

Ti può interessare anche:  Prestiti a protestati

Il Conteggio Estintivo

Per chiunque voglia estinguere un prestito è assolutamente importante sapere che la procedura prevede l’applicazione del cosiddetto conteggio estintivo, ossia il calcolo dei tempi materiali che devono trascorrere solo oltre i quali può essere possibile chiudere il conto.
Si tratta di un tempo “burocratico” che ogni cliente deve attendere e che allunga di qualche settimana l’applicazione effettiva dell’estinzione anticipata del prestito.
A partire dalla richiesta inoltratale, a Banca, o l’Istituto, compirà il calcolo della restante quota non ancora rimborsata, quindi si avrà la comunicazione della data oltre la quale può avvenire l’estinzione definitiva.

In caso di Cessione del Quinto o Prestito Delega

Prendiamo in esame queste due tipologie di prestito per valutarne la specifica estinzione anticipata.
In tali casi, infatti, ricordiamo quanto sia importante che ad essere informato sia anche il datore di lavoro ( cessione del quinto dello stipendio) che dovrà a sua volta bloccare tutti i rapporti con l’Istituto per la cessione delle porzioni di stipendio del proprio dipendente.
Generalmente deve essere la Banca ad informare ogni datore di lavoro attraverso una lettera deliberativa che blocchi le trattenute in busta paga.

Il Prestito Delega è molto interessante: approfondisci le sue caratteristiche.
Cessione del Quinto dello stipendio: come richiederlo e gestirlo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *