banconote-false

Soldi Falsi: cosa fare quando ne troviamo

Soldi Falsi: cosa fare quando ne troviamoSoldi Falsi: cosa fare quando ne troviamo

Poiché o molto facile incappare in soldi falsi, ad esempio quando ci danno il resto in un esercizio commerciale, è molto importante sapere come comportarsi se troviamo una o più banconote contraffatte. Segui i nostri consigli.

 

Cosa fare se troviamo soldi falsi? Il primo consiglio, naturalmente, è di non provare a riutilizzare la banconota contraffatte poiché, quando un esercente dovesse accorgersene, potreste incappare anche in spiacevoli situazioni con il rischio di una denuncia. Allora come Comportarsi?

Le Normative

E’ innanzitutto importante sapere che esiste un regolamento a cui far riferimento per la gestione dei soldi falsi. Si tratta del Provvedimento emesso dal Governatore della Banca d’Italia del 4 Settembre 2008 che attua l’art. 8 del decreto legge 25 settembre 2001 n. 350. Tale regolamento impone l’obbligo per istituti e Banche di ritirare le banconote false o sospettate di falsità, nonché di consegnarle alle autorità. Inoltre, sono previste delle sanzioni per chi non facilità il ritiro di tali banconote, siano essi cittadini e clienti di attività commerciali o dipendenti di Istituti di Credito.

A chi consegnare le banconote false

Secondo quanto stabilito dal regolamento del Governatore della Banca d’Italia, chi scopre di detenere o ha anche solo il sospetto di detenere soldi falsi ha la possibilità e il dovere di recarsi presso lo sportello di una qualsiasi Banca e degli Uffici Postali, ma anche presso la sede di intermediari finanziari e società di servizi.
Questi soggetti, infatti, devono a  loro volta rispettare quanto specificato nel regolamento, quindi ritirare le banconote e consegnarle alla stessa Banca d’Italia.

Cosa accade dopo la consegna

Ti può interessare anche:  Codice Iban Banca: cosa dicono le banche

Ma cosa succede dopo la consegna dei soldi falsi che erano in nostro possesso? Tecnicamente l’operatore dello sportello a cui vi sarete rivolti ha il dovere di redigere un verbale in duplice copia così da consegnarne una anche a noi. Successivamente bisogna attendere che la banconota venga esaminata dall’ufficio preposto della Banca d’Italia che ci rimborserà per mezzo di un vaglia postale solo se le banconote risulteranno legittime. In caso contrario non avremo diritto ad alcun rimborso.

Interessanti informazioni e riferimenti normativi sono pubblicati nella  sezione dedicata alle banconote della Banca D’Italia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *