carte verde

Falsi Incidenti: truffe in agguato

Falsi IncidentiIl problema dei Falsi Incidenti è rilevante. Si tratta di casi sempre in crescita, da anni, ma la tendenza negativa riguarda non solo le Compagnie Assicurative truffate, ma anche noi assicurati coinvolti a nostra insaputa.

L’Ente che si occupa di avare sotto controllo la situazione dei falsi incidenti in Italia è l’Isvap.

E le considerazioni che vengono rese pubbliche, anche attraverso il suo sito ufficiale, oltre a non essere affatto rassicuranti dovrebbero metterci sul “chi va la”. Sembra, infatti, che i cosiddetti “incidenti fantasma” stiano crescendo di numero così come muti anche il “modus operandi” dei truffatori.

Anche noi possiamo essere truffati
Classicamente abbiamo sempre considerato i falsi incidenti come delle truffe operate a danno delle Compagnie da parte di automobilisti spregiudicati intenti ad accordarsi tra di loro per “guadagnare” dai risarcimenti ottenuti. La tendenza attuale, invece, vede una crescita esponenziale di falsi incidenti in cui i truffatori inseriscono dati di veicoli in modo del tutto casuale e ad insaputa dei loro proprietari. Accade di conseguenza, che il nostro premio assicurativo sale senza che noi riusciamo a capirne la ragione: purtroppo neanche le Compagnie eseguono i controlli in maniera approfondita per verificare che i sinistri abbiano realmente coinvolto i veicoli segnalati.

Come difendersi
L’unica possibilità che abbiamo di difenderci da un aumento inspiegato del premio assicurativo è anche quello di verificare che non siamo stati coinvolti in un eventuale falso incidente. Annualmente, alla scadenza della polizza, riceviamo l’attestato di rischio: sarebbe bene andare a verificare tutti i dati riportati per rilevare la presenza di falsi incidenti di cui noi proprio non sappiamo nulla.

Ti può interessare anche:  Assicurazione Auto Scaduta: cosa fare

Di conseguenza andrebbe sporto un tempestivo reclamo all’assicurazione entro e non oltre 45 giorni dal ricevimento dell’Attestato stesso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *