assicurazione infortuni

Assicurazioni infortuni sul lavoro

Assicurazioni infortuni sul lavoroL’Inail, l’Istituto Nazionale infortuni sul lavoro, è, in Italia, l’ente preposto all’assicurazione sul lavoro che in Italia è resa obbligatoria per legge.

 

Le Legge comanda!
L’obbligo di legge prevede che vengano assicurati presso l’Inail i lavoratori subordinati ed equiparati. Ai fini assicurativi i lavoratori vengono suddivisi in quattro distinti settori: industria, artigianato, terziario e altro. Quest’ultima categoria comprende tutti i lavoratori non racchiudibili negli altri tre settori.

 

 

Inail: quale copertura
La copertura assicurativa dell’Inail comprende sia le inabilità temporanee (quelle cioè dalle quali il lavoratore guarirà) che vengono risarcite con una retribuzione giornaliera, sia quelle definitive (che lasciano un danno permanente) che vengono pagate in un’unica volta a risarcimento del danno subito il cui importo è calcolato sulla base del danno che l’infortunio ha provocato.
In linea di massima la copertura assicurativa Inail esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile, a meno che non vi sia un ricorso per colpa e la sentenza del tribunale non divenga definitiva, mentre non lo esime dalla responsabilità penale, ove questa si ravvisasse.

 

 

“Infortunio”: cosa si intende
L’infortunio sul lavoro non comprende solo gli incidenti avvenuti all’interno del luogo di lavoro, ma anche il cosidetto infortunio in itinere. Si tratta dell’infortunio in cui può incorrere il lavoratore nel percorso necessario per recarsi al lavoro o durante il percorso tra il luogo di lavoro e quello dove consuma il proprio pasto, sempre che il luogo di lavoro sia sprovvisto di mensa. Il risarcimento da parte dell’Inail in questo caso è previsto anche nel caso il lavoratore utilizzi un mezzo di trasporto privato, sempre che questo rappresenti il mezzo più adeguato per raggiungere il posto di lavoro, cioè in assenza di mezzi pubblici che coprano l’intero tragitto tra l’abitazione e il luogo di lavoro, o che lo coprano in orari che non corrispondano a quelli di servizio.
Oltre che a coprire i danni provocati dall’infortunio sul lavoro, la copertura Inail si estende alle malattie professionali, cioè a quelle patologie derivanti da un determinato tipo di attività lavorativa o dall’ambiente di lavoro (ad esempio emissioni di sostanze nocive), non causate da evento traumatico, come invece avviene nel caso dell’infortunio.

Ti può interessare anche:  Rimborso Assicurazione Infortuni

 
I fattori di Rischio
La suddivisione in settori citata all’inizio viene utilizzata per determinare il fattore di rischio di una data attività lavorativa sul quale si basa l’importo del premio assicurativo che il datore di lavoro deve pagare per ognuno dei suoi dipendenti. L’importo del premio, che viene pagato annualmente, si ottiene dal prodotto ricavato moltiplicando il fattore di rischio assegnato ad una data categoria lavorativa per un millesimo della retribuzione prevista per il lavoratore assicurato.

 
Estensione a favore delle Casalinghe
In Italia l’obbligo dell’assicurazione per gli infortuni sul lavoro è esteso anche alle casalinghe.
Le casalinghe vengono definite tali ai fini assicurativi quando svolgono il lavoro in casa propria tutti i giorni e senza svolgere nessuna altra attività fuori dalle mura domestiche. Inoltre devono svolgerlo senza ricevere alcuna retribuzione.
Nel caso in cui il reddito familiare della casalinga sia molto basso (non deve superare i 4.648 euro annui) , lo stato si fa carico del pagamento del premio dell’assicurazione presso l’Inail.

L’obbligatorietà dell’assicurazione per gli infortuni sul lavoro implica che laddove il datore di lavoro non dovesse pagare il premio assicurativo per un dipendente e il lavoratore dovesse subire un infortunio questi avrà comunque diritto ad ottenere il risarcimento dall’Inail, mentre al datore di lavoro verranno imputate la responsabilità civile ed, eventualmente quella penale, nelle apposite sedi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *