blocco conto corrente

Interessi Conto Deposito: come valutare bene il rendimento dei conti di deposito

Poiché si tratta di uno dei prodotti finanziari che noi clienti scegliamo anche per investimenti a breve periodo, è molto utile soffermarsi a valutare quali interessi offrono i conti di deposito. Capiamo quindi, quando essi convengano per depositare parte dei nostri risparmi.

I conti deposito: le caratteristiche

I conti di deposito stanno vivendo un momento di successo tra il pubblico dei clienti di banca. La ragione è forse rappresenta dai tassi di interesse piuttosto vantaggiosi, se confrontati con quelli offerti da conti correnti classici, questo aspetto li ha fatti divenire una delle soluzioni più scelte per chi vuole investire somme medie – piccole (1.000 – 100.000 euro) per periodi brevi che vanno da due a cinque anni.

Tassi d’interesse dei conti deposito

Come accennato, la vera forza di questi prodotti è costituita dai tassi di interesse. Il Conto di deposito, che chiede al cliente di mantenere intoccati i soldi in esso contenuti, tutto sommato, per pochi anni, lo premia poi con una remunerazione ancora di tutto interesse (2,5 – 3,5%) rispetto a quella ormai nulla dei conti correnti classici.

Come scegliere il Conto di Deposito

Ai fini di un investimento proficuo, quindi, diremmo che l’ottica verso cui orientare la scelta è quella di andare a valutare gli interessi di ogni conto di deposito offerto dalle maggiori Banche. E’ utile sapere che, valutando i prospetti informativi dei prodotti pubblicati da Istituti come Banca Sella, Intesa San Paolo, Unicredit, BNL, diviene facile avere chiaro il quadro degli interessi per ogni conto di deposito.

Ti può interessare anche:  Conto corrente di corrispondenza: a chi conviene

Segnaliamo, poi, di prendere in considerazione anche i costi di tali prodotti: intendiamo il bollo annuo, che alcune banche possono decidere di non presentare al cliente a fronte magari di interessi lievemente inferiori.

Vincolo o non Vincolo: gli interessi sui conti deposito in base alla tipologia

Altro aspetto da considerare, poi, è quello del vincolo a mantenere fermi i propri soldi all’interno del conto di deposito. Gli interessi sono calcolati alla fine di periodi la cui durata è stabilita contrattualmente, ma vi sono offerte (anche di Istituti minori come Banca Etruria e IBL) che non prevedono vincoli lunghi (2,3,5 anni) e che permettono di ritirare i propri soldi addirittura dopo pochi mesi insieme ad un calcolo immediato degli interessi del conto deposito già maturati.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *