caertificato di deposito

Certificato di deposito: utile da conoscere

Impariamo a conoscere il certificato di depositoCertificato di deposito: utile da conoscere

Quando si parla del rapporto tra i nostri risparmi e le Banche è bene essere informati: il certificato di deposito viene rilasciato a fronte di un nostro deposito. Ma vediamo bene in cosa consiste dal momento è davvero importante essere sempre ben informati per quel che concerne ogni rapporto con la Banca.

Cosa sono i Certificati di Deposito

Diamo subito una definizione di Certificato di Deposito che possa aiutarci a capire bene cosa sia. Diciamo, quindi, che essi sono dei titoli che ogni Istituto è obbligato a rilasciarci ogni qualvolta decidiamo di effettuare il deposito di una somma di denaro  con un vincolo temporale di alcuni mesi, ossia con una scadenza pre-determinata. Tali scadenze, come specificato dalle norme emesse dalla Banca d’Italia, possono essere comprese tra un minimo di tre mesi ad un massimo di cinque anni. Inoltre specificando come i Certificati di deposito possono prevedere tassi di interesse, vi informiamo che gli stessi possono a essere fissi o variabili e come questi possono esserci riconosciuti semplicemente alla loro scadenza o alla fine di ogni anno.

Il Mercato dei Certificati di deposito

Il mercato dei certificati di deposito è dato dalle Banche che sono i soggetti autorizzati alla loro vendita, anzi alla loro negoziazione. Le banche sono, infatti, soggetti specializzati e possono vendere i certificati con durata uguale o superiore a 18 mesi di durata. La loro vendita è gestibile nel rispetto del contenuto del dall’art. 12, 6° comma, del TUBC (Testu Unico Bancario).

Aggiungiamo, però che questa forma di investimento ha persona gradualmente terreno, ad esempio, rispetto alle Obbligazioni anche a causa di una tassazione che consiste in una trattenuta del 20%.

Ti può interessare anche:  Cittadinanza italiana: ecco come si acquista

Tipologie di Certificato

Parlando del Certificato di Deposito è bene anche fare una precisa distinzione tra le sue diverse tipologie esistenti di cui vediamo rapidamente le caratteristiche:

  • Certificati a tasso fisso: è previsto un guadagno per l’investimento attraverso un tasso di interesse  fisso che ilo cliente conosce fin dal momento della sua emissione.
  • Certificati a tasso variabile: in questo caso il guadagno per l’investimento è legato ad un tasso di interesse variabile secondo determinate scadenze temporali e seguendo i tassi di mercato.
  • Certificati zero-coupon: questi non prevedono  la liquidazione periodica degli interessi che sono corrisposti alla scadenza del titolo insieme al capitale iniziale versato.

Obblighi, vincoli, rischi

Ecco, inoltre, cosa devono sapere i clienti di banca che decidono di sottoscrivere un Certificato di Deposito. Innanzitutto specifichiamo che per un certificato che ha una scadenza inferiore a 18 mesi non è possibile ottenere un rimborso prima della sua scadenza naturale a differenza dei certificati con scadenza superiore ai 18 mesi che possono, invece, essere rimborsati in qualsiasi momento, ma comunque trascorsi almeno i primi 18 mesi.
Inoltre ricordiamo come anche in caso di oscillazione dei tassi di mercato, gli interessi previsti sul nostro Certificato di Deposito sia a tasso variabile sia a tasso fisso rimangono costanti.

Quali vantaggi?

Differentemente da quanto avveniva in precedenza, ossia fino al 1996, quando l’aliquota fiscale sul Certificato di Deposito era del 12,5%, oggi la pressione fiscale è salita fino al 27% rendendo tale forma di investimento sempre meno scelta dagli investitori a vantaggio di forme più profittevoli come ad esempio le obbligazioni.

Se vuoi maggiori informazioni sugli investimenti in obbligazioni informati leggendo il nostro approfondimento sulle obbligazioni.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *